LE PAROLE

Milan, Giampaolo: "Suso può fare la differenza. Mercato? Chiedete a Maldini"

Il tecnico rossonero prima di partire per gli Usa: "Ho grande fiducia nel lavoro dei dirigenti"

  • A
  • A
  • A

Un dribbling quasi perfetto. Marco Giampaolo - intercettato dai cronisti alla partenza per il tour negli Usa - non si sbilancia sui movimenti in entrata e uscita del Milan anche se qualche indicazione la dà. Ad esempio su Suso, nel mirino della Roma: "Da trequartista lavora molto bene, mi ha dato grande disponibilità per lavorare in quel ruolo. E' un giocatore forte, ha dribbling, visione, può fare la differenza".  

Lo spagnolo non sarebbe incedibile ma al contrario la sua partenza consentirebbe al Milan di avere denaro utile per effettuare acquisti: "Gli sviluppi di mercato e le situazioni che vanno al di sopra di me, non mi competono. Il mercato mi piace poco". L'ex Sampdoria si 'affida' alla società: "Io ho grande fiducia nel lavoro dei dirigenti, hanno qualità e competenza. Sanno di cosa abbiamo bisogno. La situazione ottimale sarebbe lavorare con un gruppo formato dall'inizio ma non è così per me e non lo è per gli altri. Ma non mi lamento, qualsiasi discussione sarà affrontata all'interno del club". 

Naturale quindi che il tecnico tenga praticamente la bocca cucita sui nomi dei possibili arrivi: "Bennacer? Sono contento che abbia vinto la Coppa d'Africa, ma dovete parlarne con Maldini perché non so a che punto è la cosa (l'affare è in dirittura d'arrivo ndr)", Idem per Modric, su cui Giampaolo è ancora più telegrafico: "Dovete chiedere a Maldini".

Chiusura dedicata a un primo - evidentemente provvisorio - bilancio: "Sono stati 10 giorni di ottimo lavoro, ho trovato un gruppo di calciatori curiosi con un alto livello di professionalità e attenzione. Milanello è una struttura perfetta. Non potevo trovare di meglio. Sono contento, in questo periodo si dice sempre che siamo in luna di miele. I giocatori sono stati straordinari. sono andati oltre alla mie aspettative per la capacita' di apprendere. Mi hanno davvero sorpreso: dobbiamo consolidare quanto fatto, migliorare altre cose, il tempo può essere il mio primo alleato".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments