PARLA PEREZ

Real, Perez: "Ho lottato perché Zizou restasse, non ho parlato con Conte e Allegri"

Il presidente a Onda Cero: "Super League ancora viva, non ho parlato con Conte e Allegri"

  • A
  • A
  • A

Nel corso di un'intervista a El Transistor di Onda Cero, Florentino Perez ha detto la sua verità sugli addii di Zidane e Sergio Ramos. "Ho lottato perché rimanesse. Sono stato con lui tutto il pomeriggio per convincerlo - le sue parole - La lettera? Non l'ho letta. Giuro sui miei nipoti. Mi hanno detto che era brutta. Non l'ha scritta lui. Quello non è Zidane. Non ho parlato con Conte e Allegri. Ramos come un figlio, tornerà".

Getty Images

Alla casa Blanca si è chiuso un ciclo e Perez ha solo parole di elogio per l'ex tecnico e l'ex capitano. "Conosco Zidane, non mi ha sorpreso il suo addio, era una delle possibilità. È stato un anno molto duro. Ho passato una serata con lui cercando di convincerlo a rimanere e non mi ha mai detto nulla di quello che poi era nella lettera. Io gli voglio molto bene, gli auguro il meglio. So che sogna di allenare la Francia e certamente ci riuscirà. Era stanco, è stata una stagione complicata tra gli infortuni e il Covid-19. Non ho parlato con Zidane, non so se è a Madrid oppure no, ma gli voglio comunque bene. Se fosse per me, tornerebbe a essere allenatore del Real Madrid. Ora siamo contentissimi del ritorno di Ancelotti e di quello di Pintus, ci siamo accordati su di lui fin dall’inizio".

Sull'addio del capitano. "Ho passato un periodo difficile. Amo Sergio come un figlio. L'ho portato nel 2005. Certo che mi dispiace. Tornerà, questa è casa sua. A me è successo con altri giocatori. Lo amo come fosse mio figlio e gli auguro il meglio. Non parlerò qui di chi ha ragione e chi no. Gli abbiamo offerto un contratto, gli abbiamo detto che aveva una scadenza, e lui non l'ha accettata. La pensava diversamente".

"SUPER LEAGUE ANCORA TUTTO APERTO"
Perez, uno dei club fondatori e che "Non è tramontato nulla. Stiamo lavorando da due anni, dodici squadre, in un format che intende aiutare qualcosa che sta morendo, il calcio. Il pubblico cala perché la maggior parte delle partite non hanno interesse. E se non c'è pubblico, i diritti audiovisivi scendono. Dal progetto non escludiamo nessuno. Non tutti possono esserci. Ma Roma-Sampdoria interessa meno di un Manchester-Psg. Abbiamo analizzato tutto il pubblico di tutte le partite di tutti i campionati. Chi comanda qui sono i tifosi. Vediamo che il Manchester ne ha più della Roma. Prendiamo quelli con più tifosi al mondo perché sono quelli che la televisione chiederà. Quello che posso dire è che tutto sia ancora aperto: un torneo che ha come unico obiettivo il fatto di essere comprato".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments