Quanto vale l'Atalanta di Gasperini? Il miracolo sportivo ed economico nerazzurro

Dal 2017 i bergamaschi stanno realizzando plusvalenze d'oro grazie ai giocatori valorizzati dal tecnico

  • A
  • A
  • A

Se provate a chiedere dalle parti di Bergamo quando è nata l'Atalanta di Gasperini i dubbi sono pochi: 2 ottobre 2016, con un azzardo. Sì perché da quell'Atalanta-Napoli con il tecnico nerazzurro all'ultima spiaggia è partito una sorta di incantesimo. A sorpresa spazio ai giovani, e che giovani, giocatori come Caldara, Conti, Gagliardini, Kessie e Petagna, tutti alle prime armi e tutti tra i protagonisti della svolta in panchina dell'ottimo Gasperini. Proprio lì è iniziato questa sorta di miracolo sportivo ed economico dell'Atalanta che se sul campo ha conquistato prima l'Europa e ora il quarto posto e la finale di Coppa Italia, alla scrivania ha più volte incassato il jackpot (circa 100 milioni di plusvalenza al primo anno) lasciando al tecnico l'onere di riformare una squadra competitiva a ogni inizio di stagione.

Ma ora, di nuovo, quanto vale questa Atalanta? La risposta ufficiale la sapremo durante il mercato estivo quando i nerazzurri potrebbero passare di nuovo dal via e dalla cassa del Monopoli del calciomercato, ma la rivalutazione con o senza Champions e Coppa Italia è già da record. Con un 14esimo posto nel monte ingaggi della Serie A i nerazzurri stanno sognando il Paradiso puntando sulla capacità del tecnico di costruire una squadra vincente con i giocatori giusti al posto giusto. Mancini, Freuler, ma anche Castagne e Hateboer, fino ai rinati Zapata e Ilicic compongono una rosa che a oggi vale più del doppio di quanto è stata pagata.

Mancini, il difensore goleador con sei reti in stagione, è stato pagato dalla Dea un solo milione di euro dal Perugia nel 2017 e oggi è tra i sogni di mercato della Roma che potrebbe spingersi a versare nelle casse nerazzurre circa 25 milioni di euro. Poi c'è Freuler, cuore del centrocampo di Gasperini che è valutato 20 milioni di euro dopo essere stato acquistato dal Lucerna per 700mila euro nel 2016. Passando agli esterni sia Castagne che Hateboer sono nomi chiacchierati sul mercato: se il belga è stato acquistato dal Genk per 5 milioni nel 2017 e oggi vale quattro volte tanto, l'olandese è stato strappato al Groningen per soli 200mila euro e potrebbe portare una plusvalenza di circa 20 milioni.

Passando all'attacco, infine, lasciando stare il Papu Gomez che l'occasione di lasciare Bergamo l'ha già avuta e declinata in passato rinascendo dopo i momenti bui al Metalist in Ucraina, gli uomini mercato sono Zapata e Ilicic. Il colombiano è costato circa 26 milioni di euro per strapparlo alla Sampdoria, ma oggi il suo valore è raddoppiato. Lo sloveno, che piace alla Roma, è invece costato solo 5,5 milioni di euro più bonus e in caso di cessione porterebbe un'altra grande plusvalenza nelle casse di Percassi.

Avete fatto i conti? A spanne si sfiorano i 150 milioni di plusvalenza anche perché i gioiellini non sarebbero finiti qui, con la curiosità di vedere quali saranno i prossimi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments