E-PRIX BERLINO: PROVE LIBERE 1

Libere 1: Dennis "apre" Berlino, 2° Mortara. Gli sfidanti per il titolo... si nascondono

Il weekend finale del Mondiale elettrico si apre con il  migliore tempo del pilota di BMW Andretti nella prima sessione di prove libere di gara-uno.

di
  • A
  • A
  • A

La conferma nel team Andretti (non più BMW) per il 2022 galvanizza Jake Dennis che mette a segno il miglior tempo del turno che inaugura il doppio appuntamento dell'E-Prix di Berlino. Alle sue spalle l'italoelvetico Edoardo Mortara (Venturi), staccato di soli 14 millesimi e terzo tempo per il pilota di casa Max Guenther, con un ritardo ugualmente "impalpabile" (14 millesimi) dal compagno di squadra Dennis. Bisogna scendere nella seconda metà della classifica per trovare il leader della generale Nyck De Vries (Mercedes,14esimo) ed il suo primo inseguitore (e connazionale) Robin Frijns (Envision Virgin, addirittura 20esimo).

Partenza... falsa per tre dei primi cinque piloti della classifica generale. Sì perchè - se Dennis ha messo tutti in fila nelle Libere 1 ed il campione in carica Antonio Félix Da Costa (80 punti) è comunque riuscito a stampare il decimo tempo (a 128 millesimi dalla vetta), per i due olandesi volanti (95 punti per De Vries, 89 per Frijns), l'avvio di weekend non è stato dei più promettenti e lo stesso si può dire per Sam Bird (Jaguar), che nel Mondiale è terzo a pari merito con Dennis (81 punti per entrambi) ma sul ruvido cemento di Tempelhof non è finora andato oltre la 16esima performance, staccato di 403 millesimi di secondo dallo stesso connazionale che guida il gruppo. Certo, i distacchi sono estremamente contenuti (nemmeno un secondo tra Dennis e Blomqvist che chiude la fila delle Gen2) e nulla può dirsi compromesso, come d'altra parte indicano le linee guida di un Mondiale all'insegna nell'equilibrio che - a due gare dal termine - vede ancora in lizza diciotto dei ventiquattro piloti al via, anche se solo una decina con realistiche chances.

Il secondo tempo della sessione - a sandwich tra i piloti di BMW i Andretti - permette a Edoardo Mortara di continuare a coltivare sogni iridati. Peccato però che Edo, lanciato dal terzo posto e dalla vittoria nei due round messicani di Puebla ad inizio estate, abbia poi segnato il passo nei due appuntamenti di New York e Londra, ma il nono posto della generale con 74 punti (25 dal vertice) regala al "nostro" una chance esterna da inseguire ad ogni costo, credendoci fino in fondo.

 

Il ruolo di vero outsider nella doppia battaglia di Berlino va però assegnato ad Alex Lynn. Quarto delle prove libere davanti a Jean-Eric Vergne ed a Stoffel Vandoorne , il pilota britannico di Mahindra è sesto della generale con 78 punti (Nick Cassidy e Mitch Evans lo separano da Mortara) ed in un finale al calor bianco può ancora dire la sua.

Completano la top ten (dalla settima alla decima piazza, appunto) il "solido" Evans con la Jaguar, il veterano Sebastien Buemi (Nissan), l'imprevedibile Pascal Wehrlein (Porsche) ed il già citato Antonio Félix Da Costa (DS Techeetah), lui pure come Lynn - anzi di più - per esperienza e visione di gara (e di stagione!) assolutamente in corsa per il bis del titolo conquistato proprio un anno fa in questi stessi giorni nella "bolla" berlinese.

E se BMW sembra parecchio intenzionata a  dare l'addio alla Formula E con un performance da ricordare (nell'E-Prix patrocinato proprio dalla Casa di Monaco), altrettanto non si può dire dell'altro Costruttore tedesco che lascerà la disciplina domenica sera dopo Round 15. Almeno stando all'avvio di weekend che vede Audi "dispersa nei bassifondi della classifica: 19esimo Lucas di Grassi, 22esimo René Rast.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments