Formula E, presentato l'E-Prix di Roma: "Il futuro è elettrico"

Il sindaco Raggi introduce la gara del 13 aprile, accompagnato dal numero uno del circus elettrico Agag: “Ci aspettiamo 35mila persone”

  • A
  • A
  • A

Con parole chiare il sindaco Virginia Raggi ha ufficialmente presentato la seconda edizione dell'E-Prix di Roma, prima tappa europea del campionato di Formula E, in programma sabato 13 aprile: “La città ospiterà un evento importante, che porterà una significativa eredità”. Anche Alejandro Agag, presidente e fondatore del circus elettrico, mostra entusiasmo: “Vogliamo fare una gara ancora migliore del 2018, ci aspettiamo 35mila persone”.

In attesa che sabato 13 aprile tornino i bolidi elettrici sulle strade di Roma per la seconda edizione dell'E-Prix della Capitale, il sindaco Virginia Raggi fa gli onori di casa nella conferenza stampa di presentazione dell'evento, che si è tenuta in Campidoglio. “Roma ospita un evento importante per il futuro che porta un'eredità significativa. Il futuro della mobilità è elettrico, stiamo cercando di installare quante più colonnine elettriche possibili per andare incontro a quelli che vorranno avere la macchina elettrica”. Insomma, l'E-Prix di Roma è anche l'occasione per sviluppare partnership con aziende leader del settore e ammodernare la città. La gara che si terrà nel quartiere dell'Eur sarà una sorta di volano per il futuro. Si tiene su un lato più prettamente sportivo, e come potrebbe essere altrimenti, il presidente nonché fondatore della Formula E, Alejandro Agag: “Abbiamo lavorato per fare una gara ancora migliore rispetto alla prima edizione del 2018. Ci sono 5mila biglietti in più, e ci attendiamo 35mila persone”.

Una risposta di pubblico importante, ma probabile, perché, ad esempio, sono già stati esauriti tutti i biglietti per le tribune. “La Formula E è un campionato in continua crescita. Siamo arrivati a 50 gare da quando siamo nati, e in molti pensavano che non saremmo arrivati a cinque. E poi è un campionato competitivo: in sei gare hanno vinto sei piloti diversi”. Per la precisione, il portoghese Antonio Felix da Costa (BMW) in Arabia Saudita, il belga Jerome D'Ambrosio (Mahindra) in Marocco, il britannico Sam Bird (Envision Virgin Racing) in Cile, il brasiliano Lucas Di Grassi (Audi) in Messico, lo svizzero Edoardo Mortara (Venturi) a Hong Kong, e il francese Jean-Eric Vergne (DS Techeetah) in Cina. La classifica del campionato vede finora in testa Felix Da Costa con 62 punti, seguito da D'Ambrosio con 59 punti, mentre a 54 ci sono Bird e Vergne, campione in carica. l'E-Prix romano è la prima tappa del ciclo europeo che si chiude a Berna il 22 giugno.

La gara sarà trasmessa su Italia 1 con un ampio speciale di avvicinamento, mentre su sportmediaset.it si potranno seguire anche le prove, che precederanno il via dell'E-Prix alle 16.

E-VILLAGE E NON SOLO Il ritorno a Roma, in particolare, sarà ricco di grandi novità. Quest'anno, le iniziative per la città eterna inizieranno già a partire da lunedì 8 aprile, con una due giorni di festa in Viale Europa dedicata in particolare ai residenti del quartiere Eur, che ospita la gara per il secondo anno consecutivo. Inoltre, venerdì 12 a partire dalle ore 12.00, l'area interessata dalla Formula E sarà accessibile gratuitamente per permettere a tutti i cittadini di usufruire dei diversi servizi previsti e vivere da vicino le emozioni dei preparativi, partecipando a diverse attività di intrattenimento, tra cui la sessione di collaudo in pista delle Gen2, le prove libere del nuovo campionato Jaguar IPace eTrophy, competizioni di discipline paralimpiche, diverse attrazioni negli spazi E-Village e un grande concerto gratuito. Altra novità di quest'anno sarà la E-Parade, che permetterà a chiunque si presenti con un mezzo eco-sostenibile di provare il brivido di guidare sul circuito di gara. Formula E non dimentica quest'anno la creazione di valore per il territorio. È parte essenziale del suo DNA infatti lasciare una traccia positiva in ognuna delle città protagonista delle corse, attraverso iniziative dedicate alla sensibilizzazione delle comunità sui temi fondamentali della sostenibilità e la cura degli spazi pubblici. Sono inoltre previste due ulteriori iniziative di “legacy” alla città di Roma. La prima, con ricaduta diretta sul quartiere EUR, prevede la potatura e messa in sicurezza delle alberature che insistono sui tratti commerciali di viale Europa. L'intervento consentirà da subito una fruizione in sicurezza della via oltre che garantire, per i mesi estivi, il non oscuramento derivante dai rami prospicienti gli esercizi commerciali. L'ulteriore eredità per la città prevede la donazione a titolo gratuito di 15 decespugliatori da dare in dotazione al Ministero di Grazia e Giustizia, all'interno del programma di reinserimento sociale dei detenuti. Le macchine saranno utilizzate per la cura ordinaria e straordinaria del verde pubblico.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments