FORMULA 1

Verstappen furioso: "Gara compromessa, non siamo a Spa o a Monza"

Il campione olandese lancia accuse alla sua squadra dopo la disastrosa qualifica di Marina Bay

di
  • A
  • A
  • A
© Getty Images

"Certo, è finita la benzina... Se avessi continuato, tagliando il traguardo, non ne avrei avuto conservato la quantità necessaria per i controlli post-qualifiche. Però bisognava accorgersene prima! Mi avevano chiesto di abortire il time attack precedente per avere migliori chances all'ultimo giro... Lo dico con il senno di poi ma... abbiamo sbagliato. Però non posso pensare a tutto io! Quello che è successo non è accettabile: come non lo è quando sbaglio io. Vale in entrambi i sensi!" Non risparmia critiche alla propria squadra, Max Verstappen, al termine di una qualifica disastrosa per le possibilità di vittoria dell'olandese nel Gran Premio che può consegnargli il secondo titolo iridato con cinque fare d'anticipo sulla conclusione naturale del Campionato del Mondo.

 

© Getty Images

"Ho pessime sensazioni: la nostra gara è completamente compromessa. Singapore non è come Spa-Francorchamps oppure come Monza. Qui sorpassare è molto complicato, finirò facilmente per restare bloccato dietro agli altri. Tutto questo è molto frustrante!"

© Getty Images

Il campione olandese non sembra quindi nutrire molta fiducia nelle sue chances di ripetere la miracolosa (e vittoriosa) rimonta di poco più di un mese fa al GP del Belgio dalla settima fila del via ma - questo è sicuro - Max ci proverà comunque e ad un certo punto potrebbe arrivare ad incrociare le traiettorie con Lewis Hamilton che ha invece vissuto a Marina Bay un sabato ampiamente positivo: terzo in griglia e nettamente davanti al compagno di squadra George Russell, questa volta relegato alla seconda metà dell'ordine di partenza.

"Siamo riusciti a fare meglio del solito. Anzi, ho scoperto che sono per la prima volta quest'anno nei primi tre in qualifica. Sono felice di questo risultato, anche se ad un certo punto ho sperato nella prima fila e prima ancora... addirittura nella pole! Si vede che non era destino, ma siamo pronti a riprovarci in gara. Sappiamo che sarà dura. Speriamo però di avere imparato qualcosa dalle edizioni precedenti di questo GP e poi speriamo soprattutto nella strategia. Penso che abbiamo la possibilità di giocarcela con la Ferrari, ma qui i sorpassi sono quasi impossibili. Quindi... bisogna puntare tutto sulla strategia".

© Getty Images

Tutto preso dalla ipotetica sfida con le Ferrari (quella di Leclerc direttamente davanti alla sua Mercedes, quella di Sainz al suo fianco), il sette volte iridato di fatto snobba Sergio Perez, al via dalla prima fila e per soli ventidue millesimi più "lento" del poleman monegasco, ma incredibilmente poco soddisfatto del suo exploit a Marina Bay:

"Sono un po' deluso per aver mancato la pole di così poco, ma sono comunque felice del risultato per il team che ha svolto un grande lavoro (Verstappen non è granché d'accordo..., ndr).  Dovremo partire bene per puntare alla vittoria. In qualifica è stato difficile interpretare le condizioni della pista, che anche in gara potrebbero cambiare in ogni momento. Noi puntiamo ad una gara pulita".

© Getty Images

Tornando a Verstappen, tra i piloti che l'olandese si troverà davanti nella sua prevedibile missione-rimonta c'è anche Fernando Alonso che ha scalato la classifica dei tempi fino alla quinta casella, guadagnandosi con la sua Apine l'interno della terza fila. Lo spagnolo ha le idee chiare circa le proprie possibilità:

"Se sarà gara asciutta non ci sarà niente da fare. Se dovesse invece piovere... beh, allora sì: in quel caso può succedere di tutto, a livello di strategia o magari di intervento della Safety Car. Sognare non costa nulla. Su un circuito cittadino però, con queste macchine così larghe e lunghe, superare resta una faccenda parecchio complicata..."

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti