FORMULA UNO

Mugello punto di svolta: Ferrari cerca il riscatto, Hamilton prepara la volata per il titolo

Dopo la tradizione di Monza, la novità assoluta del Mugello, a "casa" della Ferrari: il Mondiale di Formula Uno in Toscana per il giro di boa di metà stagione

di
  • A
  • A
  • A

La Ferrari "compie" al Mugello mille Gran Premi in Formula Uno, Lewis Hamilton punta invece... a fare novanta! Novanta successi nel Mondiale, ad una sola vittoria dal record assoluto di Michael Schumacher e sempre più vicino al settimo titolo iridato. La nona tappa del Mondiale insomma si prepara a fare storia ma, dopo il "pazzo" GP d'Italia dello scorso weekend, sono molteplici i motivi d'interesse del fine settimana in arrivo.

La Ferrari ruba la scena alla concorrenza nelle ore della vigilia del GP della Toscana: le celebrazioni per il proprio GP numero mille, la novità "cosmetica" delle monoposto ridipinte nel rosso amaranto delle origini, la Safety Car... Mercedes anch'essa rossa! Charles Leclerc e Sebastian Vettel potranno forse sfruttare la conoscenza del tracciato per riaffacciarsi nelle posizioni che contano almeno ad inizio weekend. Difficilmente però il Cavallino Rampante potrà dare una vera e propria svolta al proprio Mondiale sullo schieramento di partenza e nell'ordine d'arrivo del Mugello. Dove la Rossa potrà contare almeno sul fattore umano. E non stiamo parlando dei tremila spettatori che potranno assistere alla gara sulle tribune (comunque un importantissimo segnale di ripresa) quanto sulla voglia di riscatto di Charles Leclerc dopo lo spavento di Monza e sulla maggiore serenità di Sebastian Vettel che, con l'annuncio del suo ingaggio da parte della Racing Point/Aston Martin, si è assicurato la permanenza nel Mondiale con un "pacchetto" tecnico che gli permetterà di togliersi ancora qualche soddisfazione.

Dopo aver ospitato più volte in passato le parate di fine stagione della Ferrari (fin dai tempi - vincenti - di Michael Schumacher ad inizio millennio) ed i successi di un'altra Rossa nella MotoGP (Ducati imbattuta dal 2017 con vittorie in sequenza di Dovizioso, Lorenzo e Petrucci)  il Mugello si prepara ad essere a tempo stesso teatro di una festa ma anche sede d'esame. Con il doppio ko di Monza infatti la Casa di Maranello è stata scavalcate nel Mondiale Costruttori dalla Renault, scendendo al sesto posto della classifica: 61 punti contro i 47 della lanciatissima Alpha Tauri vincitrice a Monza con Gasly, al quale difficilmente i big concederanno più tanto spazio. La missione di Leclerc e Vettel è quella di restituire il sorpasso alla Renault (71 punti all'attivo, dall'ano prossimo Alpine F1 Team) e rincorrere McLaren e Racing Point che sono però già piuttosto distanti, con 98 e 82 punti rispettivamente. Senza considerare ovviamente i "fantascientifici" 281 punti della Mercedes ed i 158 della Red Bull.

Le vicende del Gp d'Italia hanno impedito a Lewis Hamilton di aggiudicarsi la vittoria a Monza e quindi di poter provare a pareggiare i conti con Schumacher proprio nel GP dedicato alle mille partecipazioni della Ferrari ma il Re Nero sembra deciso a tornare subito ai suoi "winning ways" ed a togliere qualsiasi illusione residua a Max Verstappen, ben prima che al proprio compagno di squadra Valtteri Bottas. E questo nonostante a Monza il finlandese sia tornato il più "diretto" inseguitore di Lewis, sette punti davanti all'olandese della Red Bull.

 

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments