F1, le Red Bull volano a Spa

Nelle libere 2 Verstappen e Ricciardo davanti, le Mercedes si nascondono

  • A
  • A
  • A

La Red Bull domina le libere 2 in Belgio con Max Verstappen (1'48"085), che si mette alle spalle il compagno di squadra Daniel Ricciardo (+0.256). Terza a sorpresa la Force India di Nico Hulkenberg (+0.572), più veloce sia di Sebastian Vettel (4°) che di Nico Rosberg (6°), che non ha però effettuato la simulazione qualifica. Kimi Raikkonen non va oltre il settimo tempo, mentre Lewis Hamilton si concentra sul passo gara e chiude tredicesimo.

Verstappen piazza la zampata e si mette dietro tutta la concorrenza dopo il venerdì di libere sul circuito di casa. Max infatti ha nazionalità olandese, ma è nato in Belgio così come sua madre. La Red Bull conferma di essere supercompetitiva anche a Spa, facendo soprattutto la differenza nella parte guidata del tracciato dove conta tanto l'aerodinamica (e dove la Ferrari invece soffre parecchio). Anche la prima simulazione gara effettuata sembra tenere testa agli spietati dominatori di questa stagione di Formula 1: Rosberg e Hamilton. Il Belgio è la grande occasione per il tedesco della Mercedes che può sfruttare la maxi penalità accumulata dal compagno di squadra. L'inglese infatti ha sostituito per la sesta e settima volta due compenenti della power unit e sarà retrocesso di 30 posizioni in griglia. Nonostante questo probabilmente non sarà il campione del mondo in carica a partire dal fondo, perché Fernando Alonso ha dovuto sostituire l'intera power unit e dovrà scontare una penalità di 35 caselle. Tornando alla scuderia di Stoccarda, i piazzamenti dei due piloti non sono indicativi perché Rosberg non ha mai montato la mescola da qualifica (supersoft), mentre Hamilton per ovvie ragioni si è concentrato sul passo gara.

Purtroppo invece è da tenere in seria considerazione il crono dei due ferraristi. Kimi gira brillantemente con gomma soft, ma dal momento in cui indossa le supersoft iniziano i dolori. Le Ferrari, forse a causa delle temperature inaspettatamente alte, non riescono a trovare la prestazione con questo tipo di pneumatico. Anche il passo gara sembra per ora troppo distante da quello di Red Bull e Mercedes. Come se non bastasse in Belgio c'è un competitor in più pronto a infilarsi tra le rosse e il podio: la Force India. La scuderia inglese conferma gli ottimi risultati dell'anno scorso e con Sergio Perez (5°) piazza due monoposto a sandwich su Vettel (+0.938).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments