F1 Messico, Vettel: "Serviva una strategia più originale"

Leclerc: "Devo impormi di più nella scelta delle strategie, in questo Seb è più bravo di me..."

  • A
  • A
  • A

Sebastian Vettel è apparso soddisfatto dalle performance della sua Ferrari nel GP del Messico, ma ha ammesso che per vincere sarebbe servito qualcosa in più dal punto di vista delle strategie: "Sorprendentemente le gomme dure hanno reagito molto bene - ha detto il tedesco della Ferrari - È stata una gara molto intensa e almeno sono riuscito a tenermi dietro Bottas. Prendere Hamilton? Appena mi sono avvicinato ha spinto di più e non ho avuto nessuna possibilità. Potevamo essere più originali a livello di strategie per vincere".

Charles Leclerc ha invece analizzato così la sua gara: "Sono stato contento del primo stint, ci siamo fermati abbastanza presto per coprire la posizione su Albon e abbiamo optato per le due soste - ha spiegato il monegasco - Il secondo stint invece non è andato come volevamo, mi ha sorpreso, ma forse non sarebbe cambiato nulla. Il terzo è stato buono, ma in generale è stata dura perché c'era tanto surriscaldamento quando seguivi le altre macchine. La strategia? Penso che devo imparare ad essere più deciso e a impormi di più in certe situazioni. Seb in questo è più bravo di me e si vede. Un'altra pole gettata al vento? Siamo delusi, come lo è tutto il team. Però le Mercedes hanno fatto un lavoro incredibile in gara, noi non pensavamo che sarebbero riusciti ad arrivare alla fine con una sola sosta".

Questa l'analisi di Mattia Binotto, team principal della Rossa: "Siamo sicuramente dispiaciuti. Quando prendi la prima fila le aspettative sono altre. Non pensavamo che Mercedes, fermandosi così presto, sarebbero riuscite ad andare fino in fondo con una sola sosta. Charles ha detto di dover imporsi di più? No, di questo parleremo con lui, ma non poteva fare nulla di diverso oggi. Più che altro c'è da capire il perché del suo secondo stint così complicato e poi c'è stato quel problema ai box che gli ha fatto perdere tempo. È questo che l'ha condizionato. Per Seb sono sicuramente felice, ma la sorpresa per tutti è il poco degrado che hano avuto le gomme. Austin? Non possiamo più accontentarci della seconda posizione, andiamo lì per cercare di vincere e girare subito pagina".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments