Calcio ora per ora

sindacato mondiale calciatori: no a Mondiale ogni 2 anni

La Federazione internazionale dei calciatori professionisti (Fifpro)

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

La Federazione internazionale dei calciatori professionisti (Fifpro) si scaglia contro la "mancanza di visione globale" delle istituzioni del pallone sulla riforma del calendario, in particolare riguardo all'idea di un Mondiale a cadenza biennale, ha dichiarato il segretario generale Jonas Baer-Hoffmann, denunciando che i dibattiti sono "orientati da interessi commerciali". Intervenendo in videoconferenza a margine della presentazione di un rapporto che segnala un incremento delle partite consecutive giocate dai calciatori professionisti, Baer-Hoffmann ha chiesto una "riforma ragionevole ed efficace" per alleviare il carico di lavoro dei giocatori, fonte di aumento del rischio di infortuni. "C'e' un'assoluta mancanza di visione globale e leadership da parte della maggior parte delle istituzioni", ha affermato il numero uno del sindacato mondiale dei giocatori. In questo senso, la Fifa ha avviato un processo di consultazioni su un raddoppio della frequenza del Mondiale dal 2028, proposta respinta dalla Uefa. "Le proposte, buone, cattive o orribili per il calcio, danno luogo a pochissimi dibattiti o consultazioni, perche' tutto e' allineato con gli interessi commerciali delle diverse competizioni", ha proseguito. "Questo mina davvero le nostre possibilita' di realizzare una riforma ragionevole ed efficace. Vorremmo cercare di distinguere il dibattito sul calendario e quello sulle competizioni, che sono molto diversi". Baer-Hoffmann si e' detto invece favorevole a "condensare le finestre internazionali" - come proposto dalla Fifa - per ridurre gli spostamenti e quindi l'affaticamento dei giocatori. Il rapporto pubblicato da Fifpro, redatto dalla societa' Kpmg su un campione di 265 calciatori, segnala un aumento del numero di partite giocate: i professionisti piu' esposti, ovvero quelli internazionali, hanno giocato in media il 67% del proprio tempo di gioco annuale nel 2020-2021 con meno di cinque giorni di riposo tra due apparizioni.

Leggi Anche