IL POSTICIPO

Serie B, la guerra dei nervi va alla Salernitana: un rigore di Kiyine fa sprofondare il Trapani

I campani si impongono per 1-0 in Sicilia, al termine di una partita dominata dalle proteste: espulsi anche Baldini e Ventura

  • A
  • A
  • A

Terza vittoria in quattro partite di campionato per la Salernitana, che si impone per 1-0 a Trapani ritrovandosi in piena corsa per la serie A. A decidere una partita nervosissima (vengono anche espulsi i due allenatori Baldini e Ventura) è un rigore trasformato da Kiyine al 72'. I siciliani sprecano l'impossibile e colpiscono anche una traversa con Taugourdeau, ma rimangono malinconicamente ultimi a quota 0 punti in classifica.

La partita non è affatto spettacolare nel primo tempo, tanto che solo al 6' minuto arriva la prima conclusione: è una telefonata da fuori area di Taugourdeau che non inganna Micai. Se il grande protagonista dei primi minuti è il fortissimo vento che soffia su Trapani, ben presto a prendere il sopravvento sono le proteste: le prime sono dei padroni di casa, per un contatto tra Cicerelli e Tulli. Lo stesso attaccante dei siciliani verrà poi ammonito per proteste, non prima di due occasioni, una per parte: un gran cross di Cicerelli non sfruttato da Djuric e Giannetti e un salvataggio di Karo su Pettinari (che stava per sfruttare un rinvio sbilenco di Micai). Prima dell'intervallo arriva quindi una traversa per il Trapani, colpita da Taugourdeau direttamente dalla bandierina del corner, e sul prosieguo dell'azione Moscati sbaglia tutto a porta completamente sguarnita. Quindi Tulli rischia il secondo giallo entrando in ritardo su Di Tacchio, scatenando questa volta la rabbia della Salernitana. La scena si ripete anche nella ripresa, dopo un altro fallo di Tulli e dopo un'azione da moviola in cui l'attaccante del Trapani cade in area chiedendo il rigore: per l'arbitro il penalty non c'è, ma nemmeno il giallo per simulazione. In campo si scatena di tutto e a farne le spese sono i due allenatori: sia Baldini che Ventura vengono espulsi per proteste, insieme al team manager della Salernitana Avallone.

Dopo una paratissima di Micai su Moscati, quindi, arriva il gol e a segnarlo sono i campani: Scognamillo interviene con un braccio in area, stavolta il rigore c'è e Kiyine lo trasforma al 73'. Ma il Trapani non ci sta e trascorre i venti minuti finali cingendo d'assedio l'area di una Salernitana che resiste: Micai dice di no a Taugourdeau, in mischia Luperini spreca tutto a porta spalancata, quindi ci provano anche Golfo e Del Prete. Fioccano ancora cartellini gialli (uno, a Maistro, per essere stato troppo lento in occasione della sua sostituzione), ma il risultato non cambia più. E se per la Salernitana arriva la festa dopo la battaglia, per il Trapani è davvero notte fonda.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments