CORONAVIRUS

Serie A "pronta" alla ripartenza: si pianificano le convocazioni

Dopo Pasqua via al piano per il rientro dei giocatori stranieri tornati dalle famiglie per l'emergenza

  • A
  • A
  • A

In attesa di capire quando e se il campionato ripartirà, la Serie A si prepara alla ripresa. Al netto dell'emergenza, che detterà ovviamente tempi e modi di una graduale ripresa, i club non vogliono farsi trovare impreparati se il governo dovesse allentare le restrizioni e consentire la riapertura dei centri sportivi. Spadafora e Gravina a fine settimana faranno nuovamente il punto della situazione e, se i dati del contagio lo consentiranno, i club poi dovrebbero iniziare a richiamare i giocatori stranieri tornati dalle famiglie per l'emergenza.

Vedi anche Coronavirus, la Figc studia il protocollo per ritornare a giocare Calcio Coronavirus, la Figc studia il protocollo per ritornare a giocare Ipotizzando una ripresa del campionato intorno al 20 maggio, il piano delle società è quello di cominciare con le convocazioni subito dopo Pasqua. Anche perché, una volta tornati in Italia, i calciatori dovranno affrontare altri 14 giorni di isolamento prima di aggregarsi alla squadra per gli allenamenti in piccoli gruppi. Due settimane fondamentali per riprendere sessioni personalizzate e prepararsi mentalmente al duro tour de force per completare la stagione.

In questo senso, del resto, sono molte le società in attesa di un segnale dal governo per prendere una decisione sulle convocazioni dei tesserati attualmente all'estero. Juve, Inter e Parma sono quelle che hanno lasciato partire più giocatori. Ma anche Bologna, Brescia, Cagliari, Fiorentina, Genoa, Lazio, Milan, Sampdoria e Spal sono molto interessate all'argomento. 

Vedi anche Coronavirus, la Figc studia il protocollo per ritornare a giocare Calcio Coronavirus, la Figc studia il protocollo per ritornare a giocare Tutto ipotizzando una riduzione della stretta del virus nei prossimi giorni. Diversamente la situazione potrebbe lasciare aperti ancora molti scenari e allungare ulteriormente i tempi per la ripresa del calcio giocato.  

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments