Lazio, un tris per il quarto posto

Gara decisa nella ripresa: apre Immobile, pareggia Maxi Lopez, poi Keita e Felipe Anderson la decidono nel finale. Napoli a -4

di
  • A
  • A
  • A

Nell'ultimo posticipo della 28a giornata di Serie A, la Lazio batte 3-1 il Torino, si riprende il quarto posto ai danni dell'Inter e si porta a -4 dal Napoli terzo. Dopo un primo tempo con poche emozioni, la gara si accende nella ripresa: capitolini avanti con Immobile all'11', poi Maxi Lopez gela l'Olimpico al 27'. Nel finale il fantastico destro a giro di Keita appena entrato (42') e il tris nel recupero di Felipe Anderson.

Missione compiuta, con qualche brivido di troppo. La Lazio batte 3-1 il Torino nel finale e può continuare a sognare un posto in Champions League. Immobile apre le danze e vince la sfida contro Belotti, ma la copertina è tutta per Keita: l'ispano-senegalese, entrato a 15' dalla fine, con un destro a giro fantastico toglie le castagne dal fuoco a Inzaghi, dà un calcio alle polemiche per il rientro in ritardo da Barcellona per festeggiare il suo compleanno e dimostra di essere l'uomo giusto per spezzare gli equilibri. Poi Felipe Anderson corona una buona prestazione con il gol che nel recupero spegne ogni velleità del Toro. Vittoria meritata per Biglia e compagni, contro un Torino che, come troppo spesso gli capita, si sveglia solo dopo il gol subito. Maxi Lopez con una precisa spizzata di testa gela l'Olimpico e risponde alle tante critiche che Mihajlovic li ha riservato in questa travagliata stagione (soprattutto legate al peso). Gara sottotono di Belotti, mentre Ljajic ha steccato ancora tanto che solo dopo la sua uscita i granata sono migliorati. Con questo ruolino di marcia fuori casa e per i troppi gol subiti, il record di punti per il Miha è un miraggio.

La Lazio vuole riprendersi il quarto posto e tornare in scia al Napoli, la squadra di Mihajlovic cerca il record di punti nel campionato a tre punti, ma per farlo deve migliorare il bilancio lontano da casa: solo due vittorie, l'ultima in casa del Crotone il 20 novembre. Inzaghi torna al 4-3-3, con Felipe Anderson e Lulic ai fianchi di Immobile: nelle ultime 3 gare all'Olimpico solo due gol segnati, entrambi su rigore. Davvero poco per la mole di gioco prodotta. Mihajlovic lancia dal 1' Iturbe e conferma Lukic in mezzo al campo. I biancocelesti fanno, come prevedibile, la partita, costringendo il Torino a difendersi molto basso. i grattacapi per i granata arrivano soprattutto dalla fascia destra, con un Felipe Anderson che mette in difficoltà Barreca ed è il più ispirato dei suoi. La migliori chance del primo tempo capitano sui piedi di Immobile: dopo 8' il suo tiro dal limite termina a lato di un soffio, poi alla mezzora non riesce a concretizzare un assist di tacco di Felipe Anderson impappinandosi davanti ad Hart. Il Toro è davvero poca roba, con Belotti mai messo in condizione di far male e un Iturbe, alla prima da titolare, sottotono. Mihajlovic sposta Ljajic più centrale a ridosso di Belotti ed è del serbo la conclusione più pericolosa nel finale di tempo. La Lazio fa tanto gioco, ma il Toro si chiude bene e, pur soffrendo, va al riposo sullo 0-0.

La Lazio parte forte anche nella ripresa e, dopo una puntata fuori di poco di Parolo, sblocca la gara con il 17° gol di Immobile in campionato. A questo punto il Toro si sveglia e dà i primi segnali di vita. Miha toglie uno spento Ljajic e inserisce il tanto criticato Maxi Lopez. Una mossa che sembra premiare l'audacia del serbo, visto che l'argentino di testa pareggia al 27'. A questo, punto, però arriva la contromossa di Inzaghi: fuori Biglia e dentro Keita che al secondo pallone giocato lo spedisce alle spalle di Hart con un destro a giro che vale il prezzo del biglietto. Nel recupero c'è gloria anche per Felipe Anderson che in contropiede mette la parola fine alla contesa. E la Lazio continua a sognare...

Keita 7 - Un gol straordinario che rompe l'equilibrio. Provvidenziale.
Felipe Anderson 7 - Il gol è la ciliegina su una prestazione davvero positiva.
Immobile 6,5 - Vince la sfida con Belotti e realizza il gol numero 17 in campionato.

Maxi Lopez 6,5
- La zuccata di testa è pregevole, ma non basta.
Belotti 5,5 - Servito poco e male dai compagni, perde la sfida con l'amico Immobile.
Ljajic 5 - Non è un caso che il Toro giochi meglio una volta che il serbo esce dal campo.

LAZIO-TORINO 3-1
Lazio (4-3-3): Strakosha 6; Basta 6,5, de Vrij 6 (1' st  Wallace 6), Hoedt 6, Radu 6 (27' Lukaku 6,5); Parolo 6, Biglia 6 (32' st Keita 7), Milinkovic-Savic 5,5, Felipe Anderson 7, Immobile 6,5, Lulic 6. A disp.: Vargic, Adamonis, Patric, Bastos, Murgia, Crecco, Luis Alberto, Lombardi, Djordjevic. All.: Inzaghi 6,5
Torino (4-3-3): Hart 6; De Silvestri 5,5, Rossettini 6, Moretti 5,5, Barreca 5; Benassi 6, Lukic 5,5, Baselli 5 (1' st Molinaro 6); Iturbe 6 (29' st Iago Falque 6), Belotti 5,5, Ljajic 5 (19' st Maxi Lopez 6,5). A disp.: Padelli, Cucchietti, Ajeti, Zappacosta, Castan, Acquah, Valdifiori, Gustafson, Boyé. All.: Mihajlovic 5,5
Arbitro: Mazzoleni
Marcatori: 11' st Immobile (L), 27' st Maxi Lopez (T), 42' st Keita (L), 46' st Felipe Anderson
Ammoniti: Ljajic (T), Lukaku (L), Milinkovic-Savic (L), Parolo (L)
Espulsi: nessuno

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments