Serie A, Lazio-Sampdoria 2-2: Saponara firma il pareggio al 99'

Partita incredibile all'Olimpico. Dopo Quagliarella e Acerbi, botta e risposta in pieno recupero

La Lazio non esce dalla crisi e nel terzo anticipo della 15a giornata non va oltre il 2-2 casalingo con la Sampdoria in una partita dal finale incredibile. Dopo il vantaggio di Quagliarella al 21' è assedio biancoceleste, ma gli uomini di Inzaghi si scontrano su Audero. Il pari arriva con Acerbi al 78' poi nel recupero accade di tutto: prima il rigore vincente di Immobile al 96', poi la rete in acrobazia di Saponara al minuto 99.

Lazio-Sampdoria 2-2: le foto del match

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36

La Lazio non esce dalla crisi e nel terzo anticipo della 15a giornata non va oltre il 2-2 casalingo con la Sampdoria in una partita dal finale incredibile. Dopo il vantaggio di Quagliarella al 21' è assedio biancoceleste, ma gli uomini di Inzaghi si scontrano su Audero. Il pari arriva con Acerbi al 78' poi nel recupero accade di tutto: prima il rigore vincente di Immobile al 96', poi la rete in acrobazia di Saponara al minuto 99.

>

LA PARTITA

Uno strano destino ha unito le due squadre romane in questa quindicesima giornata di Serie A. Beffardo, amaro e imprevedibile per come si erano messe le cose in campo. Proprio come la Roma, acciuffata in pieno recupero nonostante la (doppia) superiorità numerica, la Lazio ha buttato via i tre punti quando il più era stato fatto. Dopo una partita dominata ma passata a rincorrere la Sampdoria, il rigore di Immobile al 96' sembrava aver concesso il lieto fine ai biancocelesti, e invece. I blucerchiati - ridotti in dieci - hanno saputo scrivere una storia tutta nuova al 99' sorprendendo la retroguardia di Inzaghi e firmando una grande impresa con Saponara. Incredibile.

Dall'inferno al paradiso e ritorno nel giro di pochi minuti, di recupero tra l'altro. La differenza tra la via d'uscita di una crisi di risultati preoccupante e l'ansia di non saper più vincere l'ha fatta l'acrobazia di Saponara all'approssimarsi della tripla cifra sul cronometro, letale sulla spizzata di Kownacki a spegnere l'entusiasmo di un Olimpico sollevato e costretto a calarsi nel gelo più totale nella maniera più inaspettata. La rimonta mancata ha portato così a quattro i pareggi consecutivi della Lazio in campionato, ma ha confermato una serata storta che da diversi segnali aveva fatto capire l'andazzo ai più.

Dettagli, certo, ma non indifferenti se si tratta di infilare il pallone nella porta avversaria, e su quello agli uomini di Giampaolo non si può dire niente. Letali come non mai, bravi ad andare in vantaggio con la prima conclusione in porta al 21', col solito Quagliarella al termine di una bella azione Ramirez-Murru sulla sinistra, e a pareggiare i conti con l'ultima. In mezzo tanta Lazio, solo Lazio, inesorabilmente Lazio e Audero. Il portiere blucerchiato, che aveva iniziato malissimo regalando a Immobile la rete poi annullata da un fuorigioco casuale, si è esaltato per tutti i novanta minuti parando il parabile e anche qualcosa di più, aiutato spesso da Andersen con salvataggi miracolosi. Una roccaforte espugnata da Acerbi al 78' con la zampata da pochi passi sull'assisti di tacco di Parolo, e poi da Immobile ma solo su rigore al 95' per un fallo di mano dello stesso Andersen su calcio piazzato di Luis Alberto dopo l'espulsione di Bereszynski.

Episodio che sembrava premiare l'insistenza della Lazio, sfortunata anche con Correa e Milinkovic-Savic in precedenza. Invece gli dei del calcio, ma diciamo pure la disattenzione del reparto arretrato, hanno scritto un finale diverso, imprevedibile, esaltante. Semplicemente un 2-2 incredibile.

LE STATISTICHE

- l gol di Riccardo Saponara al minuto 98:49 è la rete più tardiva segnata in Serie A da quando Opta raccoglie questo tipo di dato (dal 2004/05).
- La Lazio ha pareggiato quattro partite di fila in Serie A per la prima volta da marzo del 2003 (sei in quel caso).
- Il gol di Ciro Immobile dopo 95:47 è quello più tardivo segnato dalla Lazio in Serie A da quello dello stesso Immobile sempre su rigore in casa v Bologna (ottobre 2016).
- Fabio Quagliarella ha segnato in ognuna delle ultime cinque presenze in campionato, record per lui di gare consecutive con gol in una singola stagione di Serie A.
- Fabio Quagliarella ha segnato cinque gol con gli ultimi sei tiri nello specchio.
- Solo Cristiano Ronaldo (15) ha preso parte attiva a più gol di Fabio Quagliarella (13: otto reti e cinque assist) in questo campionato.
- Ciro Immobile è il giocatore che ha segnato maggiormente in Serie A nell'anno solare 2018 (23 gol).
- La Lazio ha effettuato 27 tiri, record per la squadra biancoceleste in un match di questo campionato.
- Nelle ultime sei partite della Sampdoria in Serie A, entrambe le squadre sono andate in gol (26 reti nel periodo: 4.3 in media a match).
- La Sampdoria si conferma la vittima preferita di Francesco Acerbi in Serie A (quattro gol in 11 partite).

LE PAGELLE

Audero 7,5 - Dopo l'inizio da incubo si prende la scena all'Olimpico con parate importanti. Tiene in partita i suoi con grandi interventi di istinto e uscite spericolate.

Immobile 6,5 - Il gol su rigore lo premia per una partita passata all'attacco. Trascinatore vero, ma sfortunato: prima il gol (giustamente) annullato, poi il palo gli nega la gioia anticipata.

Milinkovic-Savic 5,5 - Ha sulla testa il gol del pareggio ma sbaglia clamorosamente continuando a essere l'ombra di se stesso, non solo per il gol sbagliato.

Radu 5 - Partita ordinata e un peccato capitale: perde lo scontro aereo al limite dell'area con Kownacki che porta al pari di Saponara.

Andersen 7 - Causa in modo casuale il rigore al 95' che sembrava la tomba delle speranze blucerchiate di fare punti. Prima però è un muro: come Audero nega il gol agli avversari con almeno tre interventi decisivi.

Saponara 7 - La gioia più grande nella maniera più rocambolesca: al 99' segna in acrobazia una rete incredibile.

IL TABELLINO

LAZIO-SAMPDORIA 2-2
Lazio (3-5-1-1)
: Strakosha 6; Wallace 5 (31' st Luis Alberto 6), Acerbi 6,5, Radu 5; Patric 5, Parolo 6, Badelj 5 (7' st Correa 6), Milinkovic-Savic 5,5, Lulic 6,5; Caicedo 5,5 (7' st Cataldi 6), Immobile 6,5. A disp.: Proto, Bastos, Lukaku, Caceres, Luiz Felipe, Durmisi, Berisha, Leiva. All.: S. Inzaghi 5,5.
Sampdoria (4-3-1-2): Audero 7,5; Bereszynski 6, Colley 6, Andersen 7, Murru 6,5; Praet 6 (24' st Jankto 6), Ekdal 6,5, Linetty 6; Ramirez 6 (37' st Saponara 7); Caprari 6 (20' st Kownacki 6), Quagliarella 6,5. A disp.: Belec, Rafael, Ferrari, Tavares, Rolando, Tonelli, Sala, Vieira, Defrel. All.: Giampaolo 6.
Arbitro: Massa
Marcatori: 21' Quagliarella (S), 33' st Acerbi (L), 51' st rig. Immobile (S), 54' st Saponara (S)
Ammoniti: Caicedo, Immobile, Wallace (L); Audero, Linetty, Andersen, Saponara (S)
Espulsi: 47' st Bereszynski (S) per somma di ammonizioni

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X