Serie A, Genoa-Spal 1-1: Piatek replica a Petagna

Prandelli parte con un punto: Grifone in inferiorità dal 10' per il rosso a Criscito

Parte con un pari la nuova avventura di Prandelli in Serie A. Al Ferarris tra Genoa e Spal finisce 1-1. Dopo 10' Criscito rimedia un rosso diretto e Petagna sblocca la gara al 15', poi al 38' il Grifone pareggia su rigore con Piatek e la squadra di Semplici chiude il primo tempo centrando un palo e una traversa. Nella ripresa gli estensi provano a sfruttare la superiorità, ma i rossoblù reggono bene l'urto e sfiorano il colpo in contropiede.

Serie A, Genoa-Spal: le foto

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36

LA PARTITA

Un punto a testa, ma con tanti rimpianti. Da ambo le parti. L'1-1 di Marassi per la Spal profuma più di occasione persa visto come si erano messe le cose. E il palo e la traversa di Antenucci e Petagna bruciano. Ma anche il Genoa ha di che lamentarsi. A caccia ancora di un'identità dopo i tre cambi in panchina, il Grifone ha mostrato sì cuore e grinta, resistendo in dieci per oltre 80', ma nella ripresa ha fallito almeno un paio di buone occasioni per centrare il bottino pieno, dimostrando di non avere lo spirito killer di chi vuole portare a casa i tre punti. Un inizio sordina per Prandelli, che dopo otto anni è tornato in Serie A dovendo fare subito i conti con un gruppo che ha disperatamente bisogno di un leader con coraggio e idee chiare. Per tenere lontani gli spettri della zona calda della classifica e per ridare entusiasmo a tutto l'ambiente. Un compito difficile, ma che con un bomber del calibro di Piatek sembra alla portata. 

Con poco tempo a disposizione per studiare nuove soluzioni per il suo Genoa, Prandelli prova a dare la scossa solo con qualche piccolo ritocco dovuto alle squalifiche. Un 3-5-2 tecnico e compatto, senza incontristi puri a centrocampo e con Kouamé accanto a Piatek in attacco per dare più qualità e imprevedibilità alla manovra. Semplici replica invece schierandosi a specchio e piazzando Missiroli e Schiattarella nel vertice basso della mediana e Petagna e Antenucci davanti. In avvio sono i rossoblù a fare la partita, ma la Spal si difende con coraggio, tenendo alta la linea davanti a Gomis e chiudendo le linee di passaggio in verticale. A ritmo blando, i primi dieci minuti passano senza grandi occasioni. Lazzari e Lazovic ingaggiano un bel duello ad alta velocità in corsia, poi Criscito allunga la gamba in maniera pericolosa su Schiattarella e rimedia un rosso pesantissimo (e forse anche eccessivo) per il Grifone. Alla prima occasione buona, infatti, la Spal passa con le torri. Felipe spizza per Petagna, che sblocca la gara di testa. In vantaggio e in superiorità, la squadra di Semplici si affida al possesso per difendere il risultato manovrando con pazienza e arretrando il baricentro. Il Genoa invece prova a reagire, mettendosi a quattro dietro e affidandosi alle giocate di Kouamé, alle geometrie di Sandro e ai calci piazzati. Un forcing lento, ma costante, che mette in difficoltà gli estensi. Poco dopo la mezz'ora Fares tocca Romero in area e l'arbitro Pasqua, aiutato dal Var, assegna il rigore che Piatek trasforma con freddezza, riportando tutto in parità. Un colpo a freddo che riapre il match e le ostilità. Fares impegna Radu, poi Antenucci e Petagna centrano il palo e la traversa, fallendo il raddoppio. Dall'altra parte tocca invece a Gomis sbrogliare la situazione con un'uscita bassa su Kouamé. 

Nella ripresa Prandelli leva subito Pereira e fa entrare Gunter per puntellare la difesa e guadagnare centimetri sulle palle alte. A buon ritmo la gara si incaglia a centrocampo, con il gioco interrotto da molti falli. La Spal prova ad aumentare il ritmo spingendo, il Genoa invece replica chiudendosi e ripartendo in contropiede. Kurtic ci prova dal limite, poi Piatek spara a lato da buona posizione. Romero contrasta Antenucci, poi Gomis stoppa Piatek lanciato a rete dopo un errore di Bonifazi. In pressione, la Spal allarga la manovra per sfruttare la superiorità e quando non riesce ad andare in verticale si affida ai tiri dalla distanza. Nel finale Lazzari prova a cambiare passo, ma l'esterno non è in giornata e le sue incurisoni non lasciano il segno. E così è il Genoa a rendersi pericoloso con le ripartenze. In campo aperto Kouamé è una scheggia e Semplici deve ringraziare Gomis se il risultato non cambia. L'ultima occasione ce l'ha Floccari di testa, ma la mira è sbagliata. Poi c'è tempo solo per dividersi la posta in palio tra rimpianti. 

LE PAGELLE

Piatek 6,5: marcato a vista, ha poco spazio e occasioni per puntare la porta, ma si rifà comunque dal dischetto. A quota 11 gol torna a guardare tutti dall'alto nella classifica marcatori. Nel finale spreca una buona occasione
Criscito 4,5: il rosso diretto è forse esagerato per l'entrata su Schiattarella, ma il fallo era evitabilissimo. Da uno della sua esperienza certe ingenuità non sono accettabili
Sandro 6: si piazza davanti alla difesa a gestire il traffico con regolarità e precisione. Nessun guizzo, d'accordo. Ma nemmeno errori da matita blu in inferiorità
Petagna 6,5: tanto lavoro sporco, come al solito. Gioca spesso spalle alla porta e la Spal si appoggia alla sua fisicità per far salire la squadra. Sblocca la gara di testa, facendosi trovare al posto giusto nel momento giusto
Fares 6,5: dalla sua parte non c'è storia. Domina il gioco, proponendosi con continuità, crossando e andando anche al tiro. Prova macchiata solo dal fallo su Romero in area
Lazzari 5: perde il confronto con Lazovic e non riesce ad affondare. Fatica anche in fase di contenimento. Da un suo errore in disimpegno arriva il rigore del pareggio, poi rischia ancora grosso su un'altra distrazione. Nel finale qualche spunto in più, ma comunque al di sotto del suo standard

IL TABELLINO

GENOA-SPAL 1-1
Genoa (3-5-2): Radu 6,5; Biraschi 6,5, Romero 6, Criscito 4,5; Pereira 5 (1' st Gunter 6), Veloso 5,5 (20' st Rolon 6,5), Sandro 6 (46' st Zukanovic sv), Hiljemark 6, Lazovic 6; Kouamé 6,5, Piatek 6,5. 
A disp.: Marchetti, Vodisek, Lopez, Pandev, Dalmonte, Lakicevic, Favilli, Omeonga, Medeiros. All.: Prandelli 6
Spal (3-5-2): Gomis 6,5; Bonifazi 6, Vicari 6, Felipe 6; Lazzari 5, Kurtic 5,5, Schiattarella 6,5 (30' st Valdifiori 6), Missiroli 6 (24' st Valoti 5,5), Fares 6,5; Antenucci 5,5, Petagna 6,5 (37' st Floccari 6). 
A disp.: Milinkovic-Savic, Poluzzi, Djourou, Simic, Dickmann, Everton, Costa, Paloschi, Viviani. All.: Semplici 6
Arbitro: Pasqua 
Marcatori: 15' Petagna (S), 38' rig. Piatek (G)
Ammoniti: Veloso (G); Petagna, Bonifazi, Vicari, Floccari, Valdifiori (S)
Espulsi: 10' Criscito (G) - per eccesso di foga

LE STATISTICHE

- Era da febbraio 2017 che il Genoa non registrava una striscia di nove incontri di Serie A senza vittorie (4N, 5P).
- Il cartellino rosso estratto a Domenico Criscito è il più veloce da inizio partita in questo campionato (10:21).
- Andrea Petagna ha preso parte attiva a cinque gol nelle quattro sfide di Serie A contro il Genoa (una rete, quattro assist).
- Andrea Petagna ha eguagliato il suo record di marcature in una singola Serie A (cinque).
- Record di tiri per la SPAL in un match di Serie A tra questo campionato e lo scorso (23).
- Era da maggio 2012 (21% contro l'Udinese) che il Genoa non chiudeva un match di Serie A con un possesso palla così basso (27%).
- Escludendo la gestione Juric, Krzysztof Piatek ha segnato 10 gol in otto partite di Serie A.
- In questa stagione, Piatek ha segnato 12 gol in 10 partite interne tra campionato e coppa.
- Cinque degli ultimi sette gol della SPAL in Serie A sono stati segnati di testa, dopo che i ferraresi non avevano trovato neanche una rete con questo fondamentale nelle precedenti sette marcature in questo campionato.
- Neanche un successo per la SPAL negli ultimi sei incontri di Serie A (3N, 3P).
- Entrambe le squadre hanno sono andate in gol con il rispettivo primo tiro del match.
- Cesare Prandelli è tornato in panchina in Serie A dopo 3129 giorni (16 maggio 2010 con la Fiorentina contro il Bari).

TAGS:
Calcio
Serie a
Genoa
Spal

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X