CALCIO E RAZZISMO

Gravina: "Adotteremo il Var anche per i cori razzisti"

Il presidente della Figc: "Possiamo vincere la battaglia se siamo tutti uniti e concentrati su un obiettivo comune"

  • A
  • A
  • A

"Non ho intenzione di abbassare la guardia, mi stupisce che a volte alcuni cori vengano percepiti e altre volte no. Se tutto questo non è normale, adotteremo il sistema Var anche per i 'buu'". Così Gabriele Gravina, presidente della Figc a proposito delle modalità per contrastare il razzismo nel calcio.  "Abbiamo introdotto il concetto di responsabilità oggettiva perché le società hanno tecnologia a disposizione per individuare i responsabili. Manca un unico tassello: la partecipazione del rappresentante dell'ordine pubblico, dell'addetto alla sicurezza".

L'obiettivo è comune: contrastare il razzismo. E, secondo Gravina, per raggiungerlo è necessario unirsi: "Dobbiamo essere tutti partecipi di un percorso comune, possiamo vincere la battaglia se siamo tutti uniti e concentrati su un obiettivo, allontanando questi soggetti dalle nostre competizioni", ha spiegato in un'intervista a Sky
"A me non interessa se non è chiaro quello che si sente, non mi interessa la quantità ma il principio, se anche fosse uno solo, va perseguito", ha continuato il presidente Figc. "Noi abbiamo un grande dovere, inasprire e soprattutto applicare le sanzioni. È vero, in Italia abbiamo meno casi di discriminazione rispetto ad altri nazioni, ma nelle altre nazioni si applicano puntualmente le sanzioni. Noi dobbiamo superare il limite, sanzionare in tempo reale".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments