A VERONA

Cori razzisti contro Balotelli, daspo a un tifoso

Individuato l'uomo che a Verona iniziò a intonare i buu contro l'attaccante del Brtescia: niente stadio per 5 anni

  • A
  • A
  • A

È stata accertata l'identità del tifoso che, durante il match Verona-Brescia del 3 novembre, nel corso di un'azione di Mario Balotelli iniziò ad intonare dagli spalti cori razzisti diretti al giocatore. L'uomo è un agrigentino di 38 anni, nei confronti del quale il Questore di Verona, Ivana Petricca, ha disposto il divieto di accesso alle manifestazioni sportive, a conclusione delle indagini avviate dalla Polizia.

Utili all'individuazione del responsabile sono state le estrapolazioni dei filmati delle telecamere e l'acquisizione delle testimonianze raccolte dagli agenti. Per questi motivi, l'agrigentino non potrà accedere, per i prossimi 5 anni, agli impianti sportivi sia sul territorio nazionale che su quelli dell'Ue. A Verona poi, durante le giornate in cui si svolgeranno le partite di calcio, all'uomo è stato fatto divieto di accedere a determinate zone della città interessate dal transito delle tifoserie.

Vedi anche Balotelli: "Voglio restare a Brescia, niente razzismo dopo Verona" brescia Balotelli: "Voglio restare a Brescia, niente razzismo dopo Verona"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments