MERCATO DI RIPARAZIONE

Calciomercato, in Serie A spesi 115 milioni di euro a gennaio

Il report FIFA: 3/4 dei soldi spesi nel mondo arrivano dai top 5 campionati europei, Premier regina con oltre 270 milioni in uscita

  • A
  • A
  • A

L'Inghilterra si conferma padrona assoluta del calciomercato, l'Italia, nonostante alcuni acquisti top come quello di Eriksen da parte dell'Inter e di Kulusevski da parte della Juve, deve inseguire. In Serie A, nel mercato di gennaio, sono stati spesi 115 milioni di euro per l'acquisto di calciatori. Una cifra importante, ma comunque lontanissima da quella stratosferica della Premier League, che è arrivata a investire ben 270 milioni nel mercato in entrata. Sono alcuni dei dettagli che emergono dal report della FIFA "Big 5 Transfer Window Analysis", che fa il punto sui movimenti di mercato nei 5 maggiori campionati europei al termine di ogni sessione. Nel documento si evidenzia anche come i club di A, Premier, Liga, Bundesliga e Ligue 1 siano stati protagonisti del 14,1% del totale dei trasferimenti in tutto il mondo, ma che in quanto a soldi spesi pesano addirittura per 3/4 del totale (il 71,8%).

Il nostro campionato si posiziona al terzo posto per quanto riguarda le uscite di denaro nel mercato di riparazione. Oltre alla Premier, infatti, più spendaccioni di noi sono stati anche i club di Bundesliga (189 milioni di euro di uscite), mentre Liga e Ligue 1 sono state le competizioni più "parsimoniose" con, rispettivamente, 108 e 69 milioni di euro spesi. Per quanto concerne le entrate, quindi i soldi incassati per le cessioni, la Serie A è a quota 72 milioni, al terzo posto dietro Bundes (93 milioni) e Liga (82 milioni), ma davanti a Premier (60 milioni) e Ligue 1 (34 milioni).

Il report entra ancora più nel dettaglio: nel mercato italiano c'e' stato un calo del 16,1% delle spese rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando vennero investiti 139 milioni. All'epoca fu il Milan a farla da padrone, con gli innesti di Piatek e Paquetà. Insieme alla Francia, l'Italia e' stata l'unica federazione tra i Big 5 i cui club hanno speso meno rispetto al 2019. Per quanto riguarda la tipologia dei trasferimenti: il 22% e' in prestito, il 21 a titolo definitivo e il 16 riguarda calciatori svincolati.

Per quanto riguarda la Premier, nonostante le cifre-monstre, si può dire che i club di oltremanica si siano contenuti, visto che due anni fa (gennaio 2018) spesero qualcosa come 459 milioni di euro (da ricordare soprattutto l'acquisto di Virgil Van Dijk da parte del Liverpool, per una cifra attorno agli 84 milioni).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments