Il Pescara si schiera con Muntari

La società: "Vicini al giocatore che ha subito cori razzisti"

foto Ansa

Il Pescara si schiera dalla parte di Sulley Muntari e lo fa con un comunicato ufficiale in cui oltre a esprire la solidarietà al giocatore che ha subito cori razzisti, si scusa per il suo comportamento contrario al regolamento. Muntari ha infatti abbandonato il campo senza autorizzazione. E soprattutto si augura che rispetto a episodi come questi la prossima volta vengano prese decisioni categoriche. Evidente riferimento alla mancata interruzione della gara da parte dell'arbitro Minelli.  

IL COMUNICATO

"La Delfino Pescara 1936 dopo aver riflettuto e analizzato a freddo i vari comunicati usciti a livello nazionale e oltre riguardanti i gravi fatti accaduti domenica scorsa a Cagliari, che vedono protagonista il nostro tesserato Sulley Muntari, prende una ferma posizione affianco al proprio calciatore per poter dare un forte segnale contro ogni tipo di discriminazione razziale che essa sia fatta da uno o da cento persone. Detto questo la nostra società, conoscendo la correttezza del popolo cagliaritano, e nel scusarsi per il comportamento fuori regolamento del calciatore in questione, confida nel buon senso già dimostrato domenica da tutti gli organi presenti – procura e direttori di gara – e si augura che tali episodi in futuro siano affrontati e risolti in maniera categorica".

TAGS:
Pescara
Muntari
Razzismo

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X