NAZIONALE

Italia, Mancini: "Ho scelto quasi tutti i 23 per Euro 2020"

Il ct dribbla Balotelli: "Mancano ancora sei mesi"

  • A
  • A
  • A

La qualificazione ad Euro 2020 con il primo posto nel girone e la striscia di vittorie consecutive hanno ricreato entusiasmo attorno alla Nazionale, e Roberto Mancini ha praticamente già scelto l'Italia per gli Europei: "I sicuri? Al momento quasi tutti. Secondo me possono cambiare uno o due. Il gruppo è quello. Qualcuno purtroppo non sarà convocato, alla fase finale sarà un po' più difficile. Ci verranno solo in 23, dispiace perché ce ne sono almeno una decina in più che lo meriterebbero".

Mancini è diventato quasi un eroe per i tifosi azzurri: "Potevamo riportare entusiasmo solo giocando bene. Poi, certo, il fatto che abbiamo sempre vinto aiuta. Ma non abbiamo ancora vinto niente, è presto, abbiamo solo posto le basi quindi nessun paragone con le nazionali passate".

Il ct azzurro, parlando a margine del Social Football Summit a Roma, ha dribblato la convocazione di Balotelli per gli Europei ("Mancano ancora sei mesi") ma si è soffermato su Barella: "Quando ha esordito non aveva ancora tanta esperienza, ora è uno dei migliori centrocampisti d'Italia. Ma anche gli altri seguiranno a ruota". Sulle amichevoli a marzo: "L'importante sarà confermare la mentalità, vincere conta meno. Vedremo quali nazionali saranno a disposizione per affrontarci, sicuramente saranno test di fascia alta".

Mancini ha poi parlato dei sorteggi e delle possibili rivali: "Abbiamo lottato per vincere il gruppo ed essere testa di serie, ho visto che c'è il rischio di prendere Francia e Portogallo... Ma è giusto così, alla fase finale sono tutte squadre abbastanza forti, è pur sempre un europeo, non trovi squadre semplici". E ancora: "Chi non vorrei subito incrociare? Sinceramente non mi preoccupa, anche se dovessimo trovare la Francia, al limite la reincontreremmo in finale. La cosa più bella è che giocheremo all'Olimpico", ha aggiunto.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments