VERSO MILAN-UDINESE

Milan, Pioli: "Donnarumma può giocare, Ibra alza il livello. Suso? Io ci credo"

Il tecnico rossonero alla vigilia della sfida all'Udinese: "Dobbiamo lavorare con lucidità e con i giusti equilibri"

  • A
  • A
  • A

Dopo una settimana molto positiva il Milan è pronto ad iniziare il girone di ritorno con l'obiettivo di risalire la classifica. A San Siro arriva l'Udinese, che alla prima giornata cominciò a far traballare la panchina di Giampaolo e il pubblico rossonero attende con ansia il ritorno al gol in casa di Zlatan Ibrahimovic, che giocherà ancora titolare in coppia con Leao. Assenti invece Musacchio, Calabria e Calhanoglu, non convocati, mentre Donnarumma ha recuperato. Stefano Pioli ha presentato la sfida con i friulani nella consueta conferenza stampa della vigilia: "Dobbiamo fare punti". Ecco le sue parole.

Si parla tanto di Ibra, ma a parte a Bergamo, il Milan sta prendendo pochi gol. "La squadra sta lavorando, stiamo trovando gli equilibri. Ora stiamo provando un sistema diverso, ma sono tutti attivi. Dobbiamo avere la consapevolezza che la squadra può fare meglio. Non subire gol è importante". Quindi il Milan è guarito? “Stiamo migliorando, stiamo crescendo. Dobbiamo fare punti e possiamo migliorare il trend. Noi dobbiamo solo pensare a fare più punti nel girone di ritorno. A partire da domani"

L'effetto Ibrahimovic sta funzionando? "Ibra sta dimostrando di non essere una figurina. Sta dimostrando di essere un valore aggiunto in campo e non solo, dentro lo spogliatoio. Avere Ibra è una manna dal cielo, vuole vincere anche il torello in allenamento". L'effetto Ibra significa che prima la squadra non si allenava con determinazione? "Ibra non fa il torello 'incazzato', fa un torello di qualità e si arrabbia quando non si fa un allenamento di qualità. Il livello di allenamento si è innalzato, non era inferiore prima"

Domani a San Siro sono attesi 60mila spettatori, il pubblico è sempre vicino alla squadra. "I nostri tifosi ci stanno dando un sostegno incredibile. Noi dobbiamo dare tanto per avere tanto dai tifosi. Inizia il girone di ritorno e dobbiamo fare meglio di quello di andata". Percorso netto prima del derby, è possibile? Situazione infortunati? "Noi dobbiamo fare alla svelta e fare più punti. Giocheremo 4 delle prossime 5 partite a San Siro, Coppa compresa. È un periodo non decisivo ma importante. Sugli infortunati speravo di recuperare qualche giocatore in più. Siamo un po' in emergenza, ma quelli che ci sono sono motivati".

Castillejo festeggia il compleanno, sarà titolare domani? “Tutti sono titolari, dipende dalle prestazioni quotidiane e sul campo. Samu deve trovare continuità, ha avuto un infortunio ma sta ritrovando condizione”. Come sta Donnarumma? “Sta bene, è motivato e si è allenato, credo possa giocare”. Calhanoglu invece non è disponibile. “Hakan non ha recuperato, ha avuto un risentimento muscolare ed è giusto non rischiarlo. Sarà disponibile per la prossima".

A proposito di singoli, è un periodo difficile per Paquetà: “Si sta allenando bene, ma come tutti quelli che giocano meno non può essere soddisfatto. Non è un esterno puro, ma non cambia molto. Io cerco di mettere in campo le caratteristiche giuste. Non gli chiedo l’ampiezza di Castillejo, ma può fare cose diverse. L’importante è l’equilibrio, Paquetà è un buonissimo giocatore”. Sul brasiliano ci sono molte voci di mercato, ma Pioli non vuole parlarne: “Non ho tensione, tutti i giocatori stanno lavorando con attenzione e partecipazione. Abbiamo una partita talmente importante domani che non voglio parlare di mercato. Tutti stanno bene e sono pronti e disponibili”.

Suso dovrebbe cercare il rilancio in un'altra squadra? "Io credo in Suso, è un giocatore che può essere importante. Le critiche devono stimolarci".

Domani sfida all'Udinese, che squadra si aspetta? "L'Udinese con Gotti ha una media punti importante. Sta molto bene. Lasciamo stare la Coppa Italia. Stanno bene mentalmente e si vede che l'allenatore ha fatto un bel lavoro. Squadra fisica, difficile da superare e abile a ripartire. Dobbiamo lavorare con lucidità e con i giusti equilibri".

Chiusura su Begovic e Antonio Donnarumma: "Begovic è stato preso per fare il secondo portiere. È un ottimo portiere. Sono contentissimo della situazione di Antonio, lavora sempre con disponibilità e sono convinto possa meritarsi le sue soddisfazioni".

I CONVOCATI: DONNARUMMA C'È
19 i convocati dall'allenatore rossonero per la sfida all'Udinese: PORTIERI: Begović, A. Donnarumma, G. Donnarumma.
DIFENSORI: Conti, Gabbia, Hernández, Kjær, Romagnoli.
CENTROCAMPISTI: Bennacer, Bonaventura, Kessie, Krunić, Paquetá.
ATTACCANTI: Castillejo, Ibrahimović, Leão, Piątek, Rebić, Suso.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments