L'ANALISI

Ahi Milan, sono spariti i gol. E Piatek chiude l'estate a quota zero

I rossoneri hanno segnato pochissimo in questo precampionato, il polacco addirittura mai. E l'anno scorso al Genoa non risentì della fatica...

  • A
  • A
  • A

Marco Giampaolo ha tirato fuori un alibi quasi inconfutabile per giustificare l'astinenza totale di Krzysztof Piatek in precampionato: la scienza. Pare che i test effettuati a Milanello dicano che l'attaccante polacco sia il giocatore della rosa che più di ogni altro risente della fatica. Del resto è quanto si augurano tutti i tifosi del Milan, che il Pistolero abbia conservato i gol per quando conterà davvero.

Certo, un piccolo dubbio che non sia soltanto un problema di preparazione viene: l'anno scorso, al Genoa, Piatek stupì tutti proprio in estate, prima nelle amichevoli e poi con i quattro gol al Lecce in Coppa Italia. Era il suo primo anno fuori dalla Polonia e non ebbe alcun problema di ambientamento: Ballardini avrà metodi diversi da Giampaolo, ma nei ritiri estivi di tutte le squadre si fa fatica.

 


Cos'è che impedisce a Piatek di far gol e, cosa ancora più preoccupante, di avere occasioni per segnare? Quando arrivò al Milan, lo scorso inverno, il polacco fece subito faville, poi negli ultimi due mesi segnò soltanto al Frosinone, mostrando un'involuzione figlia del calo di tutta la squadra e probabilmente anche del suo. Ma era, appunto, un altro Milan, meno propenso a costruire di questo. 

Questa estate il Milan è cresciuto poco a poco, prima del sorprendente passo indietro di Cesena: gli intoppi non hanno aiutato Giampaolo che nell'ultimo test di fatto non aveva a disposizione nessuno dei nuovo acquisti, con Bennacer, Krunic, Leao e Theo Hernandez tutti rimasti a casa e Leo Duarte entrato solo nel finale. Così, si è rivisto il vecchio Milan, negli uomini e anche nel gioco macchinoso. Il dato finale dice che nelle sei amichevoli disputate i gol all'attivo sono appena 5, quello di Hernandez al Novara all'esordio, due di Suso (uno su punizione), uno di Borini e un'autorete propiziata da Castillejo. Decisamente troppo poco. E al debutto in campionato a Udine mancano solo 7 giorni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments