JUVENTUS-ROMA 1-3

Serie A, Juventus-Roma 1-3: Kalinic e Perotti stendono i campioni allo Stadium

Cristiano Ronaldo nemmeno in panchina e tanti giovani per Sarri: dopo il gol di Higuain arriva la rimonta giallorossa

  • A
  • A
  • A

Una Juventus ampiamente rimaneggiata (Cristiano Ronaldo nemmeno in panchina) chiude il campionato perdendo all'Allianz Stadium per 3-1 contro la Roma, già certa del quinto posto in classifica. Higuain sblocca il punteggio al 5', poi rimontano i giallorossi con la girata di testa di Kalinic (23') e la doppietta di Perotti: rigore al 44' e tocco delizioso al 52' su grande azione in solitaria di un Nicolò Zaniolo ormai pienamente recuperato.

LA PARTITA
Aveva promesso un ampio ricorso ai giovani, Maurizio Sarri, e il saluto della Juventus fresca di nono scudetto consecutivo al suo Allianz Stadium in effetti presenta diversi volti nuovi in campo: oltre a Muratore (alla quarta presenza stagionale), dal primo minuto ci sono anche Frabotta e Zanimacchia, rispettivamente esterno di difesa e di attacco sulla corsia sinistra. Anche Fonseca però sperimenta, e oltre a lanciare dal primo minuto Villar, il portiere Fuzato e a ripresentare l'ormai pienamente recuperato Zaniolo (che proprio la Juventus vorrebbe), ecco anche Calafiori. E la sua è una splendida storia: due anni fa si era rotto tutti i legamenti e i menischi del ginocchio sinistro, con il rischio di interrompere la carriera a 16 anni d'età. Chi sblocca il risultato è però una vecchia volpe come Higuain, nella stessa sera in cui a Napoli il suo record viene eguagliato da Immobile: il Pipita segna al 5', sfruttando il suggerimento teso di Rabiot. La Roma e soprattutto Zaniolo però non ci stanno e c'è partita. Così Villar conquista un corner che Kalinic sfrutta al 23', girando di testa il pallone in rete sorprendendo Bonucci che si fa scavalcare dalla palla e Rugani in ritardo. Per i bianconeri ci prova il volenteroso Frabotta (diagonale a lato), poi Calafiori trova il gol della favola con un destro al volo sugli sviluppi di un corner. La rete però non c'è, perché il pallone era già uscito dal campo. Ma è lo stesso centrocampista classe 2002 a confezionare il raddoppio, entrando in area e costringendo Danilo al fallo. Rocchi fischia l'ultimo rigore della sua carriera e Perotti al 44' lo trasforma. La ripresa è soprattutto accademia, anche se si registrano alcuni significativi ingressi in campo. Come quello di Demiral, assente proprio dalla sfida di andata (quando subì il gravissimo infortunio al ginocchio), o il terzo portiere bianconero Pinsoglio, amatissimo nello spogliatoio. Chi sente la partita più di altri è però Zaniolo, che al 52' conquista palla a centrocampo, punta l'area con prepotenza e alla fine trova il tocco nello spazio per Perotti: la conclusione dell'argentino vale il tris, anche grazie alla involontaria quanto fondamentale deviazione di Demiral. La Juventus non ha troppa fretta di raddrizzare il risultato, ma ci prova: Higuain serve di prima Ramsey, che però centra il palo. Quindi è Zappacosta a sfiorare il poker con un insidioso rasoterra. Finale con squadre ormai esauste in campo, ma le occasioni non mancano: ci provano Kalinic da una parte, e dall'altra Higuain, Ramsey e anche il giovane Olivieri (di impatto anche il suo debutto). Ma finisce così: la Roma vince per la prima volta all'Allianz Stadium, ma è un ko che alla Juve non fa male.

LE PAGELLE
Calafiori 7 - La storia del debuttante 18enne della Roma è la più bella della serata. E lui, oltre a non tremare allo Stadium, si procura un rigore e si vede annullare un gol spettacolare per colpe non sue.
Rugani 5 - Titolare al fianco di Bonucci, è più responsabile del compagno sulla dormita che permette a Kalinic di pareggiare.
Perotti 7 - Sembra tornato il giocatore che incantò appena arrivato nella Capitale. E per Fonseca, ma in generale tutto l'ambiente, non può che essere una buona notizia.
Frabotta 6,5 - Il migliore tra i giovanissimi gettati nella mischia da Sarri. Perché, se nella ripresa Muratore e Zanimacchia calano, la sua prestazione resta di alto livello.
Zaniolo 7 - Rende reale una partita dal clima fin troppo ovattato. E l'azione del tris giallorosso permette al calcio italiano di dare il definitivo bentornato a un campioncino.
Bernardeschi 5 - Ulteriore occasione per dimostrare le sue qualità con una maglia da titolare. Ma l'uomo del gol scudetto nella sfida con la Sampdoria stavolta stecca.

IL TABELLINO
Juventus-Roma 1-3
Juventus (4-3-3) Szczesny 5,5 (27' st Pinsoglio 6); Danilo 5,5, Bonucci 5,5 (6' st Demiral 6), Rugani 5, Frabotta 6,5; Rabiot 6,5 (6' st Ramsey 6,5), Muratore 6, Matuidi 5,5; Bernardeschi 5 (27' st Olivieri 6,5), Higuain 6,5 (34' st Vrioni sv), Zanimacchia 6. A disp.: Buffon, Chiellini, Wesley, Alex Sandro, Bentancur, Cuadrado, Peeters. All.: Sarri 5,5.
Roma (3-4-2-1) Fuzato 5,5; Fazio 6, Smalling 6,5, Ibañez 6 (11' st Juan Jesus 6); Zappacosta 6,5, Villar 6, Cristante 6 (11' st Santon 6), Calafiori 7 (16' st Bruno Peres 6); Zaniolo 7 (11' st Under 6), Perotti 7; Kalinic 6,5. A disp.: Pau Lopez, Çetin, Kolarov, Diawara, Mkhitaryan, Perez, Kluivert, Dzeko. All.: Fonseca 7.
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 5' Higuain (J), 23' Kalinic (R), 44' rig. Perotti (R), 7' st Perotti (R)
Ammoniti: Rugani (J), Smalling, Perotti, Cristante, Fazio (R)

LE STATISTICHE DI JUVE-ROMA
Per la prima volta dal 2003/04 (il Milan in quel caso) un campionato di Serie A viene vinto da una squadra che non ha né il miglior attacco, né la miglior difesa.
L’ultima volta che la Juventus ha perso almeno sette partite in una singola stagione di Serie A risaliva al 2010/11 (10 in quel caso).
L’ultima volta che la Juventus ha vinto lo Scudetto con almeno sette sconfitte subite in un singolo campionato è stata nel 1994/95 (sette anche in quel caso).
La Roma ha vinto per la prima volta in Serie A allo Stadium contro la Juventus. Prima di questa sera, i giallorossi avevano perso le otto partite precedenti.
La Roma ha vinto quattro partite di fila in Serie A per la prima volta dal maggio 2018, sotto la guida di Eusebio Di Francesco.
La Juventus ha subito tre gol in casa contro la Roma dopo che aveva tenuto la porta inviolata nelle quattro precedenti gare interne di campionato contro i giallorossi.
L'ultima volta che la Juventus ha subito almeno due gol nei primi tempi per due partite consecutive in Serie A risaliva a maggio 2010 (vs Parma e Milan).
Ottavo gol in questo campionato per Gonzalo Higuain; tre delle ultime quattro marcature dell’attaccante bianconero sono arrivate allo Stadium.
Nikola Kalinic ha segnato nelle sue ultime tre partite consecutive di campionato; ci era riuscito soltanto una volta finora in carriera nel massimo torneo, nel novembre 2015.
Tutti i cinque gol realizzati da Nikola Kalinic in questa Serie A sono arrivati in trasferta.
Diego Perotti non segnava e forniva un assist in una singola partita di Serie A da dicembre 2019, contro il Verona, anche in quel caso in trasferta.
Seconda doppietta di Diego Perotti in carriera in Serie A: la prima, all'Olimpico, contro l'Udinese, nell'agosto 2016.
Diego Perotti ha trasformato tutti i quattro rigori calciati in questo campionato. Più in generale ne ha realizzati 19 sui 21 totali in carriera in Serie A.
Sei degli ultimi otto gol segnati dalla Roma in campionato sono arrivati su sviluppi di palla inattiva: tanti quanti nei precedenti 38.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments