JUVE-BOLOGNA 1-1

Serie A, Juve-Bologna 1-1: Vlahovic salva i bianconeri al 94'

Allo Stadium Arnautovic la sblocca nella ripresa, poi nel finale i rossoblù restano in 9 per le espulsioni di Soumaoro e Medel e si fanno raggiungere nel recupero

  • A
  • A
  • A

La Juve rallenta in zona Champions League. Nella 33.ma giornata di Serie A la squadra di Allegri non va infatti oltre l'1-1 col Bologna e tiene aperta la lotta per il quarto posto a quota 63 punti. All'Allianz Stadium i bianconeri chiudono il primo tempo senza un tiro nello specchio della porta. Nella ripresa poi succede di tutto. Arnautovic (52') sblocca il match, poi Danilo centra un palo e la Juve pareggia nel recupero con Vlahovic (94') dopo le espulsioni di Soumaoro e Medel (84') per un fallo al limite su Morata e proteste.

LA PARTITA
Un punto e tanti rimpianti. La Juve archivia la pratica Bologna con un 1-1 da brividi al termine di una gara giocata al trotto, senza tante idee davanti e con poca cattiveria. Di fronte a un Bologna tosto e ordinato, i bianconeri disputano un primo tempo con tanto fumo e poco arrosto. E nella ripresa sono costretti ad aggrapparsi a un gol di Vlahovic nel recupero in 11 contro nove. Troppo poco per mettere pressione al Napoli e tenere la Roma a distanza. Un mezzo passo falso pesante, che rischia di minare un po' le certezze in vista del rush finale e di complicare i piani per la zona Champions. 

Senza Arthur, Locatelli e McKennie e con Zakaria non al meglio, Allegri deve inventarsi il centrocampo e piazza Danilo in mediana insieme a Rabiot e Cuadrado. Davanti spazio al tridente pesante Dybala-Vlahovic-Morata. Dopo la vittoria con la Samp, il Bologna si presenta invece allo Stadium con Soriano, Svanberg e Schouten in cabina di regia, Hickey e Dijks sugli esterni e la coppia Orsolini-Arnautovic in attacco. A buon ritmo è la Juve a iniziare con più personalità in mezzo al campo e tra le linee. Alta e aggressiva, la squadra di Allegri spinge sugli esterni e prova ad appoggiarsi a Vlahovic. Liberato al limite da un colpo di tacco di Cuadrado, Dybala spara alto, poi l'argentino rischia grosso su un retropassaggio per Danilo intercettato da Orsolini e il Bologna guadagna metri e fiducia. Da una parte Vlahovic ci prova due volte di testa e una punizione di Dybala finisce larga di poco. Dall'altra invece la difesa bianconera mura un tentativo di Arnautovic e Hickey sbaglia tutto su un bel cross da sinistra. Botta e risposta che tiene vivo il match e trasforma la partita in una battaglia sulle seconde palle e in tanti duelli individuali. Duelli che soffocano la manovra bianconera negli ultimi venti metri e lasciano spazio alle ripartenze del Bologna. Svanberg impegna Szczesny da lontano, poi Hickey chiude bene su Morata dopo una buona giocata di De Sciglio e un diagonale di Danilo fa tremare i rossoblù. Tentativi a vuoto a cui il Bologna risponde con un'incursione centrale di Svanberg disinnescata da Danilo, un cross velenoso di Dijks respinto da Chiellini e un destro alle stelle di Arnautovic. 

Dopo un primo tempo senza tiri in porta della Juve, la ripresa si apre con un sinistro di Arnautovic fuori di poco che mette i brividi allo Stadium. Occasione che fa il paio con un tocco sbagliato di Rabiot dopo un'uscita a vuoto di Skorupski e sottolinea le difficoltà della Juve a limitare il maggior dinamismo del Bologna in mediana. Difficoltà che poco dopo si trasformano nel vantaggio rossoblù. A far saltare il banco ci pensa Arnautovic dopo una grande imbucata in verticale di Soriano. Lampo che fredda la Juve e costringe i bianconeri a reagire. In pressione, la Juve spinge e alza il ritmo. Skorupski vola su un destro da lontano di De Sciglio, poi un colpo di testa di Danilo si stampa sul palo e il portiere rossoblù si supera su una zuccata ravvicinata di De Ligt sugli sviluppi di un corner. Per dare la scossa Allegri leva Dybala, De Ligt e Pellegrini e fa entrare Bernardeschi, Bonucci e Zakaria passando al 4-2-3-1. Cambio tattico che insieme all'ingresso in campo anche di Alex Sandro dà più spinta alla Juve e porta a un finale ad altissima tensione. Lanciato a rete, Morata viene atterrato da Soumaoro e la Juve chiede il rigore. Richiamato al Var, Sacchi dà punizione dal limite ed espelle il difensore rossoblù. Decisione che manda su tutte le furie Medel, prima ammonito e poi subito dopo espulso dal direttore di gara per le pesanti proteste. Doppio rosso che lascia il Bologna in nove e nel recupero innesca il disperato forcing bianconero in superiorità numerica. Bonucci spara a lato da buona posizione, poi al 94' tocca a Vlahovic riportare tutto in parità deviando in rete di testa una splendida rovesciata di Morata. Gol che salva la Juve nell'immediato, ma che lascia comunque l'amaro in bocca ad Allegri per la zona Champions.
 

LE PAGELLE
Dybala 5:
gira a vuoto, resta troppo lontano da Vlahovic e non brilla negli uno contro uno. Allegri lo leva dopo un'ora di gioco ed esce dal campo a testa bassa
Vlahovic 6: servito spesso spalle alla porta, non riesce a innescare la potenza nello stretto e patisce la marcatura di Medel. Nel recupero firma però la rete che vale il pareggio
Danilo 6: Allegri lo piazza in mediana e il brasiliano risponde presente. Corre, imposta e lotta in fase di non posesso raddoppiando su tutti e schermando la difesa. Certo, non ha i piedi e le idee di un regista, ma per Allegri è un jolly prezioso   
Arnautovic 7: si muove su tutto il fronte offensivo tenendo palla e dando sostanza e fisicità. Sblocca la gara con grande freddezza davanti a Szczesny
Soriano 6,5: lavora sporco in mezzo al campo insieme a Svanberg e Schouten, ma quando il Bologna va in verticale la manovra passa dai suoi piedi. Delizioso l'assist per Arnautovic
Medel 4,5: finché resta in campo sta addosso a Vlahovic facendo valere tempismo e senso della posizione. Nel finale poi perde la testa e rovina tutto rimediando un'espulsione che segna la gara e porta al pareggio bianconero
 

IL TABELLINO
JUVENTUS-BOLOGNA 1-1
Juventus (4-3-3):
Szczesny 6; De Sciglio 6, De Ligt 6 (14' st Bonucci 5,5), Chiellini 5 (29' st Alex Sandro 5,5), Pellegrini 6 (14' st Zakaria 5,5); Cuadrado 6 (29' st Kean 5,5), Danilo 6, Rabiot 6; Dybala 5 (14' st Bernardeschi 6), Vlahovic 6, Morata 6.
A disp.: Pinsoglio, Perin, Rugani, Miretti. All.: Allegri 5,5
Bologna (3-5-2): Skorupski 6,5; Soumaoro 5,5, Medel 4,5, Theate 6; Hickey 6,5, Soriano 6,5 (29' st Kasius sv - 41' st Dominguez sv), Svanberg 6,5 (29' st Aebischer 5,5), Schouten 6,5, Dijks 6,5; Orsolini 6 (41' st Bonifazi sv), Arnautovic  7 (20' st Barrow 5,5).
A disp.: Molla, Bardi, Binks, Viola, Mbaye, De Silvestri, Vignato. All.: Mihajlovic (in panchina De Leo) 6
Arbitro: Sacchi
Marcatori: 7' st Arnautovic (B), 49' st Vlahovic (J)
Ammoniti: Cuadrado (J); Theate, Svanberg, Arnautovic (B)
Espulsi: 39' st Soumaoro (B), 39' st Medel (B)


LE STATISTICHE
- Il Bologna è rimasto imbattuto in Serie A contro la Juventus per la prima volta dal 19 febbraio 2016, sotto Roberto Donadoni.
- Per la prima volta dal 21 settembre 2011, il Bologna non ha perso una partita in casa della Juventus (1-1 anche in quell'occasione).
- Dusan Vlahovic ha realizzato il suo 50° gol in Serie A a 22 anni e 78 giorni - nella storia della competizione solo un giocatore straniero (oriundi esclusi) ha raggiunto questo traguardo in età più giovane: Alexandre Pato il 10/04/2011 (21 anni e 220 giorni).
- Marko Arnautovic è diventato solamente il secondo giocatore del Bologna ad aver realizzato sei gol consecutivi dei rossoblu in Serie A, dopo Angelo Schiavio nel 1933.
- Marko Arnautovic è il primo giocatore del Bologna a realizzare almeno 12 gol in una singola stagione di Serie A da Alberto Gilardino (13) nel 2012/13.
- Marko Arnautovic ha eguagliato Engelbert Koenig con la Lazio nel 1946/47 ed Ernst Ocwirk con la Sampdoria nel 1956/57 come miglior marcatore austriaco in una singola stagione nella storia della Serie A (tutti a quota 12 gol).
- Marko Arnautovic è il primo giocatore austriaco a trovare il gol in casa della Juventus in Serie A da Anton Polster, l'1 maggio 1998 con la maglia del Torino.
- Per la quinta volta in questo campionato la Juventus non ha effettuato tiri nello specchio nel primo tempo - l'ultima occasione in casa risaliva al 6 novembre contro la Fiorentina.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti