La Juve si inceppa a Ferrara: frenata scudetto

Prima gara senza gol per i bianconeri da dicembre: con la Spal ha tradito l'attacco

  • A
  • A
  • A

Frenata Juve. Il pareggio a Ferrara ha rovinato i piani scudetto di Allegri e riaperto il campionato. Un risultato clamoroso, che interrompe la lunga scia di 12 vittorie consecutive. Contro la Spal, barricata in difesa, ha tradito soprattutto l'attacco della Signora, con Higuain e Dybala un po' in ombra e Pjanic imbrigliato nella ragnatela di Semplici. Dopo un primo tempo abulico, nella ripresa a nulla è servito l'assalto bianconero, che non segnavano almeno un gol dal pareggio contro l'Inter di dicembre. 

Dall'obiettivo +7 al possibile +2. Alla Juve il pari di Ferrara potrebbe costare caro nella corsa scudetto. Un intoppo imprevisto, che rallenta la corsa bianconera e ridà morale al Napoli. Lo sa bene Allegri, che prima della gara aveva intuito una certa rilassatezza nell'ambiente e che, ancora una volta, ci ha visto bene. Già, perché al Mazza la Juve comincia al trotto, soffrendo il pressing a tutto campo della Spal e chiude in attacco senza riuscire però a centrare il bersaglio grosso.

L'idea di Semplici di di piazzare Schiattarella davanti alla difesa e bloccare alla "vecchia maniera" Pjanic e Dybala ha dato i suoi frutti. Un po' sulle gambe e soffocati dal pressing, i"pensatori" bianconeri non sono riusciti ad illuminare la manovra con i loro lampi. E poco hanno potuto fare anche Higuain, raddoppiato quasi sempre e circondato dai difensori della Spal, e Douglas Costa, supportato male da De Sciglio. Senza profondità e invenzioni, la manovra bianconera è apparsa lenta e prevedibile. E nemmeno l'ingresso di Mandzukic ha spostato gli equilibri, col croato ormai a secco da 11 gare in campionato. Certo, l'atteggiamento tattico della Spal (zero titri nella porta di Buffon o fuori) non ha reso la vita facile ai bianconeri, ma, visto il divario tecnico, l'impressione è che a Ferrara Allegri abbia buttato via due punti nella lotta scudetto. Anche la Juve è umana. 

Dopo il pari con la Spal, per la Juve è già iniziata la sosta per gli impegni delle Nazionali. A Vinovo Allegri però resterà praticamente "solo". Più della metà della rosa sarà impegnata infatti con le rispettive nazionali e in molti dovranno affrontare viaggi intercontinentali. La lista dei convocati dai rispettivi cd, del resto, è lunga. Mandzukic volerà con la Croazia negli Stati Uniti e dovrebbe rientrare a Torino solo giovedì pomeriggio, con la possibilità di fare un solo allenamento prima della gara col Milan. Lunga trasferta anche per Bentancur, che giocherà in Cina con l'Uruguay, ma tornerà in Italia prima di Mandzukic. Per gli altri nazionali invece impegni europei: Buffon, De Sciglio, Rugani, Alex Sandro, Douglas Costa, Benatia, Pjanic, Lichtsteiner, Szczesny, Matuidi, Khedira. Oltre a Dybala, a Vinovo resteranno invece anche Barzagli, Marchisio, Pinsoglio, Howedes, Asamoah, Barzagli e Sturaro.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments