VERSO JUVENTUS-GENOA

Juventus, Pirlo: "Ora serve continuità. Dybala è pronto, ma domani gioca Kulusevski"

Domenica alle 15 allo Stadium arriva il Genoa, il tecnico bianconero cerca continuità dopo la vittoria nel recupero col Napoli

  • A
  • A
  • A

Vincere contro il Genoa per dare continuità ai risultati e blindare la zona Champions League. È questo l'obiettivo della Juventus, che domenica alle 15 ospiterà allo Stadium i rossoblù di Ballardini, dopo il fondamentale successo di mercoledì sera contro il Napoli nel recupero della terza giornata. Andrea Pirlo ha dato qualche indizio di formazione, spiegando che Dybala è pronto, ma che potrebbe non scendere in campo dal 1': "Kulusevski si è allenato bene, probabilmente partirà titolare. Spero di poter schierare Paulo, Morata e CR7, se ne avrò la possibilità. Abbiamo bisogno di continuità, dobbiamo affrontare con ferocia la gara di domani".

Getty Images

LA CONFERENZA DI PIRLO

Sulla vittoria contro il Napoli

"Della partita di mercoledì mi hanno soddisfatto lo spirito, l’atteggiamento e la volontà, tutte cose che dobbiamo mantenere e mettere in campo anche domani. Se ci ha dato una scossa? Abbiamo bisogno di dare continuità: dobbiamo affrontare la gara di domani con voglia feroce".

Sul ballottaggio tra portieri e sul partner di CR7

"In porta giocherà Szczesny, mentre Paulo Dybala sta bene ed è pronto, anche se magari non dal primo minuto. Viene da tre mesi di infortunio e ha ripreso a giocare solo l'altra sera. Ha bisogno di un altro spezzone per poter giocare dall'inizio. Ci godiamo il fatto di averlo a disposizione, è un giocatore che fa la differenza. Spero di poter schierare lui, Cristiano e Morata insieme, se ne avrò la possibilità. Alvaro ha interpretato molto bene la partita contro il Napoli, ha solo bisogno di fare un gol. Kulusevski si è allenato molto bene e probabilmente partirà dal primo minuto contro il Genoa".

Sul futuro di Dybala

"L'ho sempre detto, Dybala è un giocatore importante, che purtroppo non ho avuto molto a disposizione quest'anno. Guardiamo al presente perché è più importante del futuro. Però lui ha ancora un anno di contratto quindi possiamo guardare anche all'anno prossimo. Ha grande qualità, fa la differenza. È però giusto che facciamo riferimento a quanto può dare adesso e non a quanto non ha potuto dare fin qui".

Sulle altre scelte di formazione

"Anche Arthur e McKennie stanno bene e sono pronti per giocare, Demiral invece non ha ancora minutaggio. È stato fermo non solo per il Covid, ha bisogno di più tempo per giocare dall'inizio. Chiellini ha dato massima disponibilità, partirà lui dall'inizio. Kulusevski e Ramsey stanno bene, Cuadrado schierato alto può essere un opzione contro il Genoa".

Sul rinnovo di Dragusin

"È giusto aver puntato su di lui, è un ragazzo di grande prospettiva".

Sugli obiettivi da qui a fine stagione

"Abbiamo il dovere di fare bene in tutte le partite che mancano, i nostri obiettivi sono sempre gli stessi. Mercoledì c'è stata grande unità di intenti e grande spirito di sacrificio, che poi è quello che ti porta a raggiungere i risultati. Domani dev'essere lo stesso".

Sul momento di Chiesa

"Gli dò consigli tattici e tecnici. Lui è bravissimo negli spazi e nell'uno contro uno, può ancora migliorare sulla gestione della palla e delle situazioni di gioco. Ha fame di calcio e tanta voglia di imparare e questa è una gran cosa".

Sui punti persi per strada

"Abbiamo perso tanti punti contro squadre più in basso di noi in classifica. È stata una nostra pecca, ma ci sono tanti punti in palio e vogliamo concludere alla grande".

Sulle polemiche arbitrali e il ruolo del Var

"Se il Var può aiutare concretamente gli arbitri, è giusto che venga utilizzato".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments