LA GIOIA DEL PRESIDENTE FEDERALE

Gravina elogia Spalletti dopo la qualificazione agli Europei 2024: "È un uomo che ha a cuore il calcio"

Il numero uno del calcio italiano è intervenuto durante il DLA Piper Sport Forum facendo i complimenti al commissario tecnico subentrato a Roberto Mancini

  • A
  • A
  • A

Si respira un clima di distensione in casa Italia dopo il pareggio ottenuto con l'Ucraina e la conseguente qualificazione agli Europei 2024. Scacciato il pericolo play-off, il clan azzurro non pensa per ora ai possibili pericoli provenienti dall'urna di Nyon e si gode questo traguardo frutto del grande lavoro svolto da Luciano Spalletti negli ultimi mesi. Un compito che è stato particolarmente apprezzato dal presidente della FIGC Gabriele Gravina che è intervenuto a DLA Piper Sport Forum 'La nuova sfida del calcio: combinazione di performance sportiva e finanziaria'.

"Sono molto soddisfatto, non solo a livello personale, ma anche per tutto il movimento e per i tifosi italiani. Questa nazionale non solo ha un grande valore tecnico, ma anche sensibilità umana da parte di un grande allenatore e un grande uomo - ha spiegato il numero uno del calcio italiano -. Avevo promesso che avremmo raggiunto l'obiettivo dell'Europeo, lo abbiamo fatto senza passare dai playoff, che sono sempre un terno al lotto".

Vedi anche Italia qualificata agli Europei, Roberto Mancini: "Bravi, complimenti" nazionale Italia qualificata agli Europei, Roberto Mancini: "Bravi, complimenti" Nonostante gli elogi nei confronti dell'attuale commissario tecnico, Gravina ha preferito evitare i confronti con il suo predecessore Roberto Mancini che ha lasciato rocambolescamente dopo il successo ottenuto nella competizione continentale nel 2021 e ha preferito già guardare verso la rassegna al via in Germania il prossimo giugno. 

"Non farei una distinzione o un confronto tra i due ct, con Mancini resta un rapporto di amicizia e di affetto, ha fatto un grande lavoro per il calcio italiano con il record mondiale di 37 risultati utili consecutivi, c'e' una macchia, ma abbiamo tutti una macchia di non qualificazione al mondiale - ha sottolineato il dirigente pugliese -. Mi attendo un percorso molto positivo, ho parlato a lungo con Spalletti. Con lui non ci sono segreti, è molto aperto e diretto. Ha parlato a lungo con i ragazzi, ha grande voglia di ricominciare da qui fino a giugno con una serie di amichevoli a marzo e poi due prima degli Europei a giugno. È un uomo che ha a cuore le sorti del calcio italiano. È una persona di grande sensibilita'".

Vedi anche Italia, finalmente! La missione è compiuta, ma l'Europeo sarà una scalata qualificazioni euro 2024 Italia, finalmente! La missione è compiuta, ma l'Europeo sarà una scalata

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti