EUROPA LEAGUE

Europa League: il Bayer Leverkusen domina 3-1 con il Porto e va agli ottavi, il Basaksehir batte lo Sporting con un rigore ai supplementari

Il Wolverhampton perde ma passa il turno, confermano le vittorie dell'andata Basilea e Wolfsburg

  • A
  • A
  • A

Nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League il Bayer Leverkusen dilaga 3-1 a Oporto e si regala gli ottavi. L’Istanbul Basaksehir costringe ai supplementari lo Sporting, decide il rigore di Visca (4-1). Il Wolverhampton perde 3-2 in casa dell’Espanyol ma passa il turno dopo il poker dell’andata. Basilea (1-0 all’Apoel Nicosia) e Wolfsburg (3-0 a Malmoe) confermano le vittorie dell’andata, il Lask liquida l’Az Alkmaar 2-0.

ISTANBUL BASAKSEHIR-SPORTING LISBONA 4-1 DTS
Dopo il 3-1 dell’andata i portoghesi arrivano allo stadio Fatih Terim sicuri del passaggio del turno e sottovalutano gli uomini di Okan Buruk che li mettono in seria difficoltà. La prima occasione del match nasce dal cross di Clichy per Aleksic che colpisce male di testa e non inquadra lo specchio della porta. Lo Sporting risponde con il destro da fuori area di Acuna parato da Gunok. I padroni di casa passano in vantaggio al 31’ grazie all’ex Liverpool e Atalanta Skrtel che colpisce di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, primo gol in carriera in Europa per il veterano. Il raddoppio dei turchi arriva al 45’, punizione magnifica di Aleksic che con una punizione di sinistro da posizione decentrata sorprende Maximiano sul palo lontano. Nella ripresa risponde lo Sporting, asse argentino Acuna-Vietto e il colpo di testa del secondo sul cross del primo regala il 2-1 agli ospiti. Finale ricco di emozioni, traversa per lo Sporting e al 91’ la perla del capitano Visca manda le squadre ai supplementari sul 3-1. Visca si ripete ai supplementari e piazza sotto l’incrocio il rigore assegnato dopo il fallo in area di Vietto, 4-1 finale al 118' e i turchi festeggiano.

BASILEA-APOEL NICOSIA 1-0
Dopo il trionfo dell’andata fuori casa (3-0) gli svizzeri tra le mura amiche del St. Jakob-Park si confermano e vincono di misura assicurandosi gli ottavi di finale. Il portiere degli ospiti Waterman inizia il match con delle scelte rivedibili in disimpegno, una delle quali rischia di regalare il vantaggio al Basilea. Al 38’ Ioannou travolge Stocker ed è rigore, sul dischetto si presenta Frei che non sbaglia e porta in vantaggio i padroni di casa. Nella ripresa gli ospiti si procurano un rigore al 74’, errore incredibile di De Vincenti che conclude con un rasoterra a lato. Finisce 1-0 per il Basilea, sempre in gestione e mai messo in difficoltà dall’Apoel.

ESPANYOL-WOLVERHAMPTON 3-2
Il poker senza repliche della gara di andata permette agli inglesi di arrivare allo stadio El Prat con il morale alto e certezze incrollabili sul passaggio del turno. Gli spagnoli però non si perdono d’animo e vanno in vantaggio con il destro sotto la traversa di Calleri al 16' servito in area piccola da Pedrosa. I Wolves pareggiano al 22’ con Adama Traoré che vince un contrasto in area e di forza batte Prieto, che tocca ma non riesce a respingere il suo destro. Nella ripresa Kilman colpisce con una scarpata l’ex Napoli David Lopez e l’Espanyol passa in vantaggio grazie al rigore trasformato da Calleri, doppietta per l’argentino al 57'. Il Wolverhampton mette ancora più al sicuro il discorso qualificazione, Doherty all’80’ lasciato solo dalla difesa avversaria non sbaglia a porta sguarnita. I padroni di casa cercano la vittoria almeno per l’onore e la trovano grazie al gol di Calleri che fa tripletta al 91’ di testa firmando il 3-2 conclusivo.

PORTO-BAYER LEVERKUSEN 1-3
I tedeschi hanno vinto di misura all’andata, 2-1, allo stadio Do Dragao. Anche al ritorno gli uomini di Bosz archiviano senza patemi la pratica e conquistano gli ottavi con un secco 3-1. Gli ospiti partono con il piede sull’acceleratore e all’11’ passano in vantaggio con Alario. Azione personale di Demirbay che serve Havertz al limite dell’area, cioccolatino da scartare per l’attaccante argentino che non sbaglia. Nella prima frazione non ci sono altre occasioni rilevanti, nel secondo tempo la velocità di Diaby mette ancora in crisi la difesa dei portoghesi, Marchesin respinge come può ma Havertz recupera il pallone e lo serve a Demirbay che raddoppia al 50'. Ancora Diaby a propiziare il tris dei tedeschi, Marchesin respinge anche stavolta ma il francese serve Havertz che fa 3-0 al 58’. Sette minuti dopo Marega fa 3-1 di testa su assist di Otavio. Nel finale Soares appena entrato si fa espellere per una gomitata inutile a Tah, rosso diretto senza quasi aver toccato il pallone, a suo modo un’impresa.

LASK-AZ ALKMAAR 2-0
Al Waldstadion gli austriaci guardano al passaggio del turno con fiducia e grazie al sostegno del pubblico di casa dopo il pareggio 1-1 con gli olandesi nel match di andata vincono 2-0 tra le mura amiche e si guadagnano il passaggio del turno. Nella prima frazione sono i padroni di casa ad avanzare il baricentro con convinzione, ma i loro attacchi non riescono a impensierire il portiere dell’AZ Bizot fino al 42’, quando un’ingenuità di Idrissi regala un rigore che Raguz trasforma spiazzando il portiere. Nella ripresa Raguz si ripete e fa doppietta al 50': controllo di destro e botta al volo di sinistro per il raddoppio svedese. A due minuti dal 90’ i padroni di casa si ritrovano in inferiorità numerica per l’espulsione di Wiesinger, un evento che non influisce sul risultato finale.

MALMOE-WOLFSBURG 0-3
Dopo la vittoria casalinga per 2-1 i tedeschi arrivano al Malmoe Stadion alla ricerca di conferme, che trovano senza sforzo dominando 3-0 sui malcapitati padroni di casa, senza risposte di fronte alle loro azioni offensive. I tedeschi gestiscono il match con tranquillità nei primi 45 minuti, stando bene attenti a non sbilanciarsi e a non scoprire il fianco alle sortite degli svedesi, obbligati a vincere. Al 42’ Brekalo porta in vantaggio i suoi con un bel destro da fuori area che si infila nell’angolino, il centrocampista croato si ripete dopo la rete dell’andata. Consulto al Var per la posizione dell’autore dell’assist Schlager, ma il gol viene confermato. Al 66’ il sinistro a giro di Gerhardt regala il raddoppio ai tedeschi, Malmoe alle corde. Il terzo gol degli ospiti lo firma Joao Victor al 69', servito praticamente sulla linea di porta dallo scatenato Gerhardt.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments