SFIDA A DISTANZA

Cristiano Ronaldo e Messi, la domenica da dimenticare

Il fuoriclasse del Barcellona espulso e Cr7 non è riuscito a mordere

  • A
  • A
  • A

L'ultima volta era stata l'8 dicembre 2020 in Champions League quando la super sfida tra i due grandi campioni del calcio moderno si era conclusa con la vittoria della Juventus per 0-3 sul Barcellona. Quel testa a testa si ripete tutte le volte che in palio c'è qualcosa di importante. Un lungo cammino ideale che li unisce e che li divide. E così è stato anche in una freddissima domenica di gennaio. Cristiano Ronaldo che perde a San Siro contro l'Inter dando per finito, o quasi, il discorso scudetto e Messi che saluta, da lontano (leggi spogliatoi§), la Supercoppa di Spagna contro l'Atlethic Bilbao per 3-2.Ma se la serata di CR7 è nera, quella di Leo è nerissima perché espulso per gioco una sbracciata sulla faccia di Villalibre.

afp

Si, Cristiano è un po' l'anima, in questo momento, di una Juve che in campionato è apparsa e appare sempre un po' troppo stanca. Con troppi alti e bassi da decifrare e analizzare. Quando non gira il campione portoghese è difficile che ci sia altri protagonisti che possano salire subito e prepotentemente in cattedra. Era accaduto a Chiesa, ma le tante assenze nei bianconeri hanno lasciato il passo alla poca inventiva degli altri attori bianconeri. 
Messi, al contrario, aveva un gran voglia di giocare e di recuperare. Anche perché il 2020 per i colori blaugrana era stato senza trofei e il 2021, appunto, comincia talmente male che più non si può. In più per il fantasista argentino si tratta della prima espulsione con la maglia del Barça. Un record negativo che testimonia il brutto momento che vive il Barcellona e Messi stesso che, già a inizio, stagione era stato al centro di mille voci di mercato con un probabile addio alla maglia che nella sua vita da professionista ha così tanto amato.

Vedi anche Supercoppa di Spagna: Inaki Williams regala il trofeo all’Athletic, Barcellona ribaltato 3-2 Calcio estero Supercoppa di Spagna: Inaki Williams regala il trofeo all’Athletic, Barcellona ribaltato 3-2

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments