Serie A: Chievo corsaro a Pescara

Continua il tabù Adriatico per gli abruzzesi, che devono rimandare l'appuntamento con la prima vittoria sul campo. I clivensi volano al terzo posto

di
  • A
  • A
  • A

Nel primo anticipo della 7a giornata di Serie A, il Chievo batte 2-0 il Pescara e vola al terzo posto in classifica alle spalle di Juve e Napoli. Il match è equilibrato per lunghi tratti e viene deciso nel finale da Meggiorini e Inglese, ai primi gol in campionato: il primo sblocca il match al 76' ben imbeccato da Birsa, il compagno di reparto la chiude all'80' in contropiede. Gli abruzzesi rimandano l'appuntamento con la prima vittoria sul campo.

Pescara e Chievo aprono il settimo turno di Serie A. La squadra di Oddo è ancora alla caccia della prima vittoria sul campo, i clivensi vengono dalla sconfitta di Napoli e cercano un pronto riscatto. L'unico successo del Pescara nelle ultime 25 partite di Serie A è la vittoria a tavolino contro il Sassuolo; per il resto cinque pareggi e 19 sconfitte. Gli abruzzesi non vincono in casa in Serie A dal dicembre 2012 contro il Catania, per un totale di 12 partite senza successi davanti al proprio pubblico. La squadra di Maran, implacabile in casa, si trasforma (in negativo) lontano dal Bentegodi, dove ha perso quattro delle ultime cinque gare (solo una vittoria a Udine in pieno recupero) e in tutte queste sconfitte non ha mai segnato. Oddo si affida al primo minuto a Manaj, due gol in 133'. Benali e Caprari agiscono alle spalle dell'albanese. Maran sceglie Frey per l'infortunato Cacciatore e preferisce Floro Flores a Meggiorini come partner di Inglese.

I padroni di casa partono contratti, le preoccupazioni per una classifica che recita 6 punti (ma solo 3 conquistati sul campo) e il tabù Adriatico ingombrano le menti dei ragazzi di Oddo. I veneti provano ad approfittare e in 10' collezionano tre calci d'angolo da cui scaturiscono altrettanti colpi di testa (pericolosi i due di Spolli, debole quello di Castro). Tanti gli errori del Pescara e da uno di questi (disimpegno errato di Biraghi) per poco gli ospiti non passano, ma Castro calcia debolmente tra le braccia di Bizzarri. Il pericolo scampato sveglia gli abruzzesi, con Manaj che impegna Sorrentino costretto a salvarsi in angolo. Siamo al 14' e la gara torna sui binari dell'equilibrio. Per ampi tratti il Pescara si fa preferire, anche se Sorrentino non corre ulteriori pericoli seri. I gialloblù approfittano dei troppi errori in fase di disimpegno degli avversari e per poco Inglese non fa centro (esterno della rete). La prima frazione si chiude senza gol, risultato giusto per quanto visto in campo.

Il Pescara prova a mettere alle corde la squadra di Maran, gettandosi generosamente in avanti, ma il muro clivense regge senza troppi patemi. Biraghi cresce sulla sinistra e mette in area qualche cross interessante, ma davanti a Sorrentino non ci sono sbavature. Non si può dire lo stesso degli abruzzesi, che pagano a caro prezzo l'ennesimo errore in disimpegno: Memushaj sbaglia l'appoggio, Birsa vede l'inserimento di Meggiorini (entrato per Floro Flores) che dribbla Bizzarri e segna il suo primo gol stagionale. L'errore spezza le gambe ai padroni di casa, con Oddo che si gioca le carte Mitrita, Cristante e Muric senza successo, e conferma come i secondi tempi siano loro fatali. Il contropiede di Inglese a 5' dalla fine suggella il cinismo e la grande gara tattica dei veneti: con questo, ben 11 dei 12 gol subìti dal Pescara sono stati realizzati nella seconda frazione. Maran, almeno per una notte, sale al terzo e si gode la sosta per le Nazionali. Oddo, invece, non può dormire sonni tranquilli, perché la sua squadra proprio non sa vincere e manca di cinismo ed esperienza, doti fondamentali per lottare fino alla fine con il coltello tra i denti.

Memushaj 4,5 - Da un suo errore in disimpegno nasce il gol di Meggiorini. Imperdonabile.
Benali 5 - Gara incolore quella dell'attaccante libico, mai pericoloso.
Manaj 6 - E' il più pericoloso dei suoi, corre e lotta fino a quando Oddo non lo richiama in panchina.

Meggiorini 7 - Maran azzecca la mossa: dentro al posto di Floro Flores e l'attaccante si sblocca e regala ai suoi 3 punti d'oro.
Inglese 6,5 - Segna il gol che chiude il match e anche lui si sblocca.
Spolli 6,5
- Sfiora due volte il gol di testa e regge bene in difesa.

PESCARA-CHIEVO 0-2
Pescara (4-3-2-1): Bizzarri 6; Crescenzi 5,5, Campagnaro 6, Fornasier 6, Biraghi 5,5; Verre 5,5, Brugman 6 (39' st Muric sv), Memushaj 4,5; Caprari 5,5, Benali 5 (29' st Cristante 5,5); Manaj 6 (23' st Mitrita 5,5). A disp.: Fiorillo, Bruno, Coda, Zuparic, Aquilani, Vitturini. All.: Oddo 5,5
Chievo (4-3-1-2): Sorrentino 6; Frey 6, Spolli 6,5, Dainelli 6, Gobbi 6; Castro 6, Radovanovic 6, Hetemaj 6; Birsa 6,5 (36' st Rigoni sv); Floro Flores 5,5 (18' st Meggiorini 7), Inglese 6,5 (46' st Parigini sv). A disp.: Seculin, Confente, Sardo, Cesar, Costa, Gamberini, Izco, De Guzman, Pellissier. All.: Maran 7
Arbitro: Manganiello
Marcatori: 31' st Meggiorini, 40' st Inglese
Ammoniti: Frey, Spolli (C)

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments