Il Chievo fa sua la sfida-salvezza

Birsa e Stepinski stendono i calabresi, che ora rischiano davvero tanto: Lazio e Napoli le avversarie di Zenga negli ultimi 180'

di
  • A
  • A
  • A

Il Chievo vince 2-1 la sfida-salvezza contro il Crotone e aggancia i calabresi e l'Udinese al quartultimo posto. Il debutto di D'Anna in panchina è reso magico dai gol di Birsa (imperioso colpo di testa al 12') e Stepinski (precisa girata all'82'). Sull'1-0 pali di Simy (57') e Radovanovic (72'). Al 94' segna Tumminello. Ora per Zenga si fa davvero dura, visto che negli ultimi 180' deve affrontare Lazio (in casa) e Napoli (in trasferta).

La cura D'Anna fa bene al Chievo che conquista tre punti pesantissimi e resta in corsa per la salvezza. Il nuovo allenatore, promosso dalla Primavera al posto di Maran, dà la scossa giusta alla squadra che ritrova la vittoria dopo sei giornate a secco proprio contro una diretta rivale. E ora a rischiare davvero tanto sono proprio i calabresi. Perché in attesa di conoscere il risultato di Cagliari-Roma (sardi attualmente terzultimi), Zenga e i suoi ragazzi devono fare punti contro una Lazio in piena corsa Champions e Napoli, che vorrà salutare il San Paolo all'ultima con una vittoria. D'Anna ha avuto il merito di non stravolgere quanto fatto da Maran e l'intuizione di ripescare Birsa, bocciato dall'ex tecnico nelle ultime settimane. Un plauso, poi, anche per il cambio Inglese-Stepinski: l'attaccante polacco ha di fatto chiuso il match prima dell'ultimo acuto di Tumminello nel finale, l'unica nota lieta per gli Squali. Il gol dell'attaccante cresciuto nella Roma, infatti, ristabilisce la parità nello scontro diretto in caso di arrivo a pari punti. Alquanto improbabile guardando il calendario: Bologna e Benevento per i veneti, Lazio e Napoli per i calabresi che tremano.

Per il suo debutto in Serie A, D'Anna rispolvera Birsa, accantonato da Maran negli ultimi tempi, e affianca Giaccherini allo sloveno alle spalle dell'unica punta Inglese. Nessuna sorpresa nel Crotone: solito 4-3-3 per Zenga, con il tridente Trotta-Simy-Nalini. La posta in palio è altissima e a questo punto del campionato vale davvero doppio. I calabresi trovano il gol dopo soli 9', ma Massa annulla per un fuorigioco di Ceccherini sulla punizione di Barberis: a infilare Sorrentino era stato Cacciatore. Segnalazione giusta del guardalinee perché il difensore partecipa attivamente all'azione. Passato lo spavento, i clivensi sbloccano il match tre minuti dopo: splendido cross di Gobbi, Martella si perde Birsa che salta di testa tutto solo e fa secco Cordaz. Le palle alte si confermano il tallone d'Achille per gli uomini di Zenga, la squadra di Serie A più perforata nel gioco aereo. A questo punto i padroni di casa lasciano l'iniziativa agli avversari ma, a parte una furiosa mischia in area, Sorrentino non ha particolari preoccupazioni. La manovra degli Squali, infatti, è lenta e prevedibile, dagli esterni non arrivano accelerazioni e Simy è sistematicamente anticipato di testa da Dainelli e Radovanovic, quest'ultimo di fatto quinto difensore aggiunto in fase di non possesso.

Gli ospiti nella ripresa provano ad aumentare i ritmi e il Chievo rischia seriamente di capitolare due volte in un minuto (12'). Prima Simy colpisce in pieno il palo alla sinistra di Sorrentino, poi il portiere gialloblù è reattivo su un'altra zuccata di Capuano. Zenga toglie Stoian e inserisce un'altra punta Ricci, ma sono i padroni di casa a sfiorare il raddoppio con un bolide da 25 metri di Radovanovic: altro palo e poi Cordaz si ritrova il pallone tra le mani. Nel frattempo D'Anna aveva tolto lo stremato Inglese per inserire Stepinski. Una mossa azzeccata, visto che il polacco trova la girata vincente che mette in cassaforte il match. Il gol di Tumminello in pieno recupero non cambia la sostanza: il Chievo vede la salvezza, al Crotone serve una mezza impresa. Ma a 180' è ancora tutto aperto e la bagarre è davvero accesa, visto che anche Udinese, Cagliari e Spal sono pienamente invischiate.

Birsa 7 - Rilanciato da D'Anna, lo sloveno ripaga la fiducia con il gol che sblocca il match. Serve la sua classe in questo finale di stagione incandescente.
Gobbi 7 - La carta d'identità dice 37 anni, ma questo pomeriggio davvero non è sembrato. Suo l'assist per Birsa e tante iniziative sulla fascia sinistra.
Stepinski 6,5 - Entra con il piglio giusto, ovvero quello di dare una mano ai compagni e per far rifiatare un esausto Inglese. La sua girata chiude il match.

Tumminello 6 - Il suo gol è inutile ai fini del risultato, ma permette al Crotone di mantenere il vantaggio nello scontro diretto con il Chievo in caso di arrivo a pari punti.
Simy 6 - Fa a sportellate con Dainelli e Tomovic per tutto il match. Ha una sola palla buona, ma il suo colpo di testa è fermato dal palo.
Martella 5 - Si perde Birsa in occasione del primo gol e dalla sua parte arrivano davvero poche iniziative.

CHIEVO-CROTONE 2-1
Chievo (4-3-2-1): Sorrentino 6,5; Cacciatore 6 (32' st Bani 5,5), Dainelli 6,5, Tomovic 6, Gobbi 7; Rigoni 6 (11' st Bastien 6), Radovanovic 6, Hetemaj 6; Birsa 7, Giaccherini; 6 Inglese 5,5 (26' st Stepinski 6,5). A disp.: Seculin, Confente, Gamberini, Cesar, Jaroszynski, Castro, Meggiorini, Pucciarelli, Pellissier. All.: D'Anna 6,5
Crotone (4-3-3): Cordaz 6; Faraoni 6, Ceccherini 6, Capuano 6, Martella 5; Barberis 5,5, Mandragora 6, Stoian 5,5 (26' st Ricci 5,5); Trotta 5,5 (41' st Tumminello 6), Simy 6, Nalini 6 (33' st Rohden sv). A disp.: Festa, Simic, Sampirisi, Ajeti, Pavlovic, Izco, Dibay, Zanellato, Crociata. All.: Zenga 5,5
Arbitro: Massa
Marcatori: 12' Birsa (CH), 37' st Stepinski (CH), 49' st Tumminello (CR)
Ammoniti: Radovanovic (CH), Rigoni (CH), Hetemaj (CH), Bani (CH)

• Il Chievo ha interrotto una striscia di sei partite senza vittoria in campionato: 3N, 3P.
• Il Chievo ha ottenuto il successo in tre delle ultime sei gare casalinghe in campionato (2N, 1P), tante quante ne aveva vinte nelle precedenti 16 allo stadio Bentegodi.
• Il Crotone ha perso 13 match fuori casa, solo il Benevento ha fatto peggio in trasferta nel campionato in corso: 16 sconfitte.
• Mariusz Stepinski ha segnato quattro gol subentrando dalla panchina in questa Serie A, nei top-5 campionati europei solo Giroud ha fatto meglio (sei reti).
• Per la prima volta in carriera in Serie A Massimo Gobbi ha fornito due assist nel corso dello stesso match.
• Gol numero 20 di Valter Birsa in carriera in Serie A, due di questi sono stati realizzati di testa.
• Terza rete in questo campionato per Valter Birsa, l'ultima risaliva allo scorso ottobre vs Milan.
• Birsa non giocava titolare nel massimo campionato dal 10 marzo 2018 vs Verona.
• Il Chievo ha schierato quest'oggi l'11 titolare più "anziano" di questo campionato - età media: 32 anni e 185 giorni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments