VERSO SALISBURGO-NAPOLI

Salisburgo-Napoli, Marsch: "Avversario pericoloso, ma non avremo paura"

Alla vigilia del match di Champions il tecnico statunitense: "È presto parlare di qualificazione, ci dobbiamo concentrare solo sulla partita”

  • A
  • A
  • A

Alla vigilia della partita di Champions League tra il suo Salisburgo e il Napoli di Ancelotti, il tecnico Jesse Marsch è ben consapevole delle qualità della squadra che andrà ad affrontare: "Il Napoli è aggressivo e ha gioco, una buona combinazione. È pericoloso ma non avremo paura. Fanno buoni movimenti a centrocampo, hanno fatto giocare tanti giocatori: hanno tanta qualità in campo e alla fine un modulo vale l'altro. Dobbiamo capire quello che vogliono e concentrarci su di noi".

Troppo presto, però, per parlare di qualificazioni: "Noi ci dobbiamo concentrare sulla partita di domani e non pensare al futuro. Dobbiamo pensare alla nostra squadra". Eppure il Salisburgo per andare avanti nella corsa alla Champions League dovrà eliminare una tra Liverpool e Napoli, allenate da Klopp e Ancelotti, due che la Champions l'hanno già vinta: "Non è Ancelotti o Klopp contro di me ma siamo noi, la squadra, contro il nostro avversario. Il Napoli è molto flessibile, c’è la velocità di Insigne, Mertens, Lozano e Callejon, altri giocatori come Milik e Llorente, non sappiamo chi giocherà, il nostro obiettivo è difendere bene, pressare in modo efficace e coprire anche le fasce. Su Klopp posso dire che è una persona altissima, grandissima (ride, ndr), ho seguito Ancelotti al Milan, al Real Madrid, al Bayern Monaco ma dobbiamo concentrarci su di noi”.

Nonostante i recenti problemi, Haaland torna a disposizione: "È vicino al recupero al 100%. Ovviamente, essendo stato fuori per tre settimane ci vuole tempo, posso dire che la partita contro il Graz è stata difficile, ma domani sarà un'altra sfida e lui sarà pronto".

Il Salisburgo è una squadra molto giovane, ma questo non spaventa il tecnico: "Siamo giovani e quindi non abbiamo tanta paura in campo. L'eccezione è stato giocare a Liverpool, è stato tosto giocare in quello stadio contro una squadra fortissima. Abbiamo imparato da quella partita, qui in casa sappiamo di essere forti. Dobbiamo essere protagonisti".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments