CHAMPIONS LEAGUE

Re Carlo vola alto: la Champions lo consacra, l'Europa lo celebra: il più grande di sempre?

Sette volte sul tetto d'Europa, due da giocatore e cinque da allenatore: nessuno come Ancelotti

  • A
  • A
  • A
Re Carlo vola alto: la Champions lo consacra, l'Europa lo celebra: il più grande di sempre? - foto 1
© real madrid

Nessuno come Carlo Ancelotti: la conquista della quinta Champions League da allenatore - a cui vanno aggiunte le due conquistate da giocatore - porta con sè il meritato tributo all'uomo e ne alimenta il mito. Da oltre 40 anni, prima in campo e poi in panchina, il tecnico del Real raccoglie successi e miete record e viene allora da chiedersi quali traguardi abbia ancora da inseguire dopo aver vinto tutto, tanto da rendere legittima, quasi scontata, la domanda: è lui l'allenatore più grande di sempre? 

La rinuncia l'anno scorso all'offerta del Brasile e la scelta di restare al Real Madrid gli ha fruttato il triplete Champions-Liga-Supercoppa di Spagna, premessa di altri trionfi nel biennio di contratto che gli resta da onorare in casa merengue. Adorato dai giocatori, idolatrato dai tifosi, 'Carlo Magno' è un vanto del calcio italiano, che in qualche modo lo ha prestato al mondo per farne un suo ambasciatore.

Dopo i tanti successi da calciatore tra Roma (uno storico scudetto) e Milan, una volta salito in cattedra Ancelotti ha cominciato a macinare successi, diventando l'unico tecnico nella storia del calcio ad aver vinto il titolo nei cinque principali campionati europei (Italia, Inghilterra, Francia, Germania e Spagna, con Milan, Chelsea, Psg, Bayern e Real) e l'unico ad aver vinto la Champions per cinque volte.

La sua carriera in panchina inizia nel 1995 alla Reggiana, in Serie B. In seguito ha allenato Parma (1996-1998), Juventus (1999-2001) e Milan (2001-2009). Alla guida del club di Torino ha vinto una Coppa Intertoto Uefa nel '99 mentre alla guida dei rossoneri ha vinto uno scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, due Champions League, due Supercoppe Uefa e una Coppa del mondo. Tra il 2009 e il 2011 è stato sulla panchina del Chelsea, aggiudicandosi la doppietta Premier League-FA Cup.

Nella stagione 2011-2012 è subentrato in corsa sulla panchina del Paris Saint-Germain, con cui ha vinto la Ligue 1 al secondo tentativo, nel 2012-2013. Nell'estate del 2013 è stato ingaggiato dal Real, con cui si è aggiudicato la Coppa del Re, la Champions League, la Supercoppa e il Mondiale per club. Al Bayern Monaco nel 2016 ha vinto la Bundesliga e tra il 2018 e il 2021 ha allenato il Napoli e poi l'Everton, due esperienze non positive che sembrano avergli fatto perdere il tocco magico.

Ma nel 2021, tornato sulla panchina del Real Madrid, riapre la bacheca personale per porvi due Champions, due titoli nazionali, due Supercoppe di Spagna, un mondiale per club, una Supercoppa Uefa.  Nel 2020, per il cinquantenario del Paris Saint-Germain, è stato nominato miglior allenatore della storia del club, e nel 2019 la rivista francese France Football lo ha inserito fra i 50 migliori allenatori della storia del calcio. Cinque anni e tanti trofei dopo, è il momento di aggiornare ancora la classifica. Chi come lui, in fondo? E dunque, l'interrogativo legittimo, per molti dalla risposta scontata: è il migliore di sempre?

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti