PLAYOFF

Playoff Champions League: Ajax, Bruges e Slavia Praga ai gironi

Gli olandesi soffrono in casa con l'Apoel, ma vincono 2-0: il gol della sicurezza arriva all'80'. Eliminati anche Lask Linz e Cluj

  • A
  • A
  • A

Con qualche sofferenza l'Ajax accede alla fase a gironi della Champions League grazie alla vittoria sull'Apoel Nicosia: dopo lo 0-0 di Cipro, i Lancieri vincono per 2-0 una partita piuttosto tesa. Dopo il vantaggio di Edson Alvarez al 43', il gol della sicurezza firmato Dusan Tadic arriva infatti solo all'80'. Qualificati anche Bruges (2-1 sul Lask Linz, in gol Vanaken e Dennis) e Slavia Praga (1-0 sul Cluj, decisivo Boril).

AJAX-APOEL NICOSIA 2-0
Un dominio totale, come dimostrato dal possesso palla (64% contro 36%) e dalle conclusioni totali cercate nel corso della partita (44 a 4). Eppure è tutt'altro che banale per l'Ajax, semifinalista della scorsa edizione della Champions League, l'approdo ai gironi di quest'anno. Merito di un Apoel Nicosia che, dopo lo 0-0 di Cipro, si chiude alla grande ad Amsterdam e spaventa non poco i Lancieri. La partita rimane infatti chiusa e nervosissima per quasi tutto il primo tempo (durante il quale si segnala una gran parata di Belec su punizione di Ziyech). Quindi al 43' Alvarez arriva di testa sul corner battuto dallo stesso Ziyech e trova il gol che basterebbe per la qualificazione. Nella ripresa però l'Ajax è consapevole che subendo un solo gol saluterebbe la Champions, e la tensione non si scioglie. Al 50' il Var annulla a Huntelaar il gol del raddoppio per fuorigioco, al 72' la Johan Cruijff Arena trema: Merkis viene travolto in area, ma l'arbitro non assegna il rigore. All'80' arriva quindi il sinistro vincente di Tadic a spazzare via i fantasmi regalando la certezza della Champions all'Ajax.

BRUGES-LASK LINZ 2-1
Non dovrebbe avere fretta il Bruges, reduce da un 1-0 in Austria e consapevole che un pareggio sarebbe sufficiente a entrare nel tabellone principale della Champions League. Eppure guardando il primo tempo si direbbe il contrario, dato che in campo il dominio dei padroni di casa appare evidente. In particolare è scatenato Openda, due volte pericolosissimo nel primo tempo e poi furioso dopo un presunto fallo nell'area di rigore avversaria. Al 28' ci sarebbe anche il gol belga segnato da Vormer, ma il Var annulla tutto. E la rete del Bruges arriva al 70', quando Vormer batte un corner su cui il colpo di testa di Vanaken è letale. Il Lask però si conquista un rigore al 74' che Klass pareggia, riaprendo ogni discorso. Gli austriaci rimangono anche in dieci uomini per l'espulsione di Trauner, ma l'apprensione del Bruges non cala. Almeno fino all'89', quando il giovane Dennis sfrutta un assist di Tau e realizza il gol che rende di fatto matematica la qualificazione neroblù con qualche minuto di anticipo sul fischio finale.

SLAVIA PRAGA-CLUJ 1-0
Il Cluj di Dan Petrescu deve tentare l'impresa in Repubblica Ceca per ribaltare la sconfitta dell'andata, eppure se c'è qualcuno che cerca (e alla fine trova) con più convinzione la vittoria sono i padroni di casa dello Slavia Praga. Che rischiano all'11' sulla punizione di Bordeianu, ma poi sostanzialmente subiscono il gioco dei padroni di casa per il resto della partita: nel primo tempo ci provano Masopust con la conclusione dalla distanza e Soucek con un pericoloso colpo di testa, pochi secondi dopo l'inizio della ripresa Skoda con un tiro dal limite. Quasi inevitabile il gol dello Slavia, tra le grandi realtà di tutto il percorso dei preliminari di Champions: e il gol arriva al 66', quando Boril trova la deviazione finale e decisiva dopo una splendida azione di squadra. E nel tabellone principale della competizione ci saranno ora anche i cechi.

Vedi anche Champions League, playoff: Olympiacos, Dinamo Zagabria e Stella Rossa ai gironi Champions League Champions League, playoff: Olympiacos, Dinamo Zagabria e Stella Rossa ai gironi

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments