CHAMPIONS LEAGUE

Champions League: Real e City a valanga, il Liverpool espugna Madrid, Messi ribalta il Lipsia

Gli uomini di Guardiola vincono 5-1 a Bruges, Ancelotti ne fa 5 allo Shakhtar, i Reds vincono 3-2 sull’Atletico e una doppietta dell’argentino regala il 3-2 sul Lipsia

  • A
  • A
  • A

Terza giornata di Champions League che vede le goleade di Manchester City e Real Madrid: la squadra di Guardiola vince 5-1 a Bruges, gli uomini di Ancelotti superano 5-0 lo Shakhtar nel girone dell’Inter. Vince soffrendo invece il Liverpool 3-2 in casa dell’Atletico Madrid nel gruppo B, lo stesso del Milan. Uguale punteggio anche per il Psg trascinato da Messi (doppietta) nel successo sul Lipsia. Vittorie anche per Sporting Lisbona e Ajax.

Getty Images

GRUPPO A
Altalena di emozioni al Parco dei Principi, con continue rimonte tra Psg e Lipsia: alla fine sono i parigini a vincere per 3-2 e mantenere così il primo posto nel girone a sette punti. Mbappè porta avanti il Psg al 9’, Andrè Silva e Mukiele ribaltano il risultato tra il primo e il secondo tempo. Sembra un crollo per gli uomini di Pochettino, ma Messi si scatena e tra il 67’ e il 74’ (su rigore) riporta avanti i suoi: è l’allungo decisivo e i tedeschi non rimontano più restando a zero punti. Anzi, nel recupero Mbappè sbaglia il penalty del possibile poker. Nell’anticipo, si rialza il Manchester City dopo la sconfitta con il Psg e travolge 5-1 il Bruges in trasferta. Partita già chiusa nel primo tempo grazie alle reti di Cancelo al 30’ e Mahrez su rigore al 43’, poi in avvio di ripresa Walker firma il tris e il 19enne Palmer (alla prima rete in carriera) cala il poker. Serve a poco il gol di Vanaken al minuto 81’, passano cinque minuti e ancora Mahrez infierisce con la cinquina finale. Troppo forte la squadra di Guardiola che si porta a sei punti, mentre il Bruges incappa nella prima sconfitta del suo girone e resta fermo a 4.

GRUPPO B
Il Liverpool non si ferma più ed espugna 3-2 il Wanda Metropolitano andando a punteggio pieno nel girone del Milan, l’Atletico Madrid resta invece a quattro lunghezze al pari del Porto. Rossoneri invece a zero punti. Gol e spettacolo nel primo tempo con il Liverpool che si porta avanti 2-0 in appena cinque minuti: Salah all’8’ e Keita al 13’ sembrano chiudere già la partita, ma poi si scatena Griezmann che con una doppietta (al 20’ e 34’) pareggia i conti. Il francese è protagonista nel bene e nel male e al 52’ si fa espellere con un rosso diretto lasciando i Colchoneros in 10. Con un uomo in meno, Simeone alza il muro mentre Klopp prova a raddrizzare la partita: il forcing dei Reds si concretizza a un quarto d’ora dalla fine con il rigore trasformato da Salah per il 3-2 finale.

GRUPPO C
Prosegue spedita la marcia dell’Ajax verso gli ottavi di finale: i Lancieri siglano la terza vittoria di fila superando anche il Borussia Dortmund 4-0 con l’autogol di Reus e la rete di Blind nel primo tempo, poi al 57’ Antony e al 72’ Haller chiudono i conti. L’Ajax è quindi a punteggio pieno mentre i tedeschi restano a sei punti. Festival del gol anche ad Istanbul dove lo Sporting Lisbona riesce ad espugnare 4-1 lo stadio del Besiktas. Sono gli ospiti a portarsi in vantaggio con Coates di testa da calcio d’angolo, ma i turchi reagiscono raggiungendo il pari al 24’ con Larin. I portoghesi però si fanno valere sulle palle inattive e ancora Coates, ancora da calcio d’angolo, riporta in vantaggio lo Sporting al 27’. Partita sempre vivace e al 44’ il Var irrompe nel match assegnando un rigore alla squadra di Lisbona per mani di Vida: dagli 11 metri Sarabia non sbaglia. Passano due minuti e il Var è ancora protagonista, questa volta per annullare lo splendido gol del 2-3 di Teixeira. Nella ripresa il Besiktas ci prova ma non basta, Paulinho al 90’ firma il poker e arrivano i primi tre punti per lo Sporting mentre i turchi restano a zero.

GRUPPO D
Real Madrid travolgente in casa dello Shakhtar Donetsk e le Merengues si portano a sei punti nel girone dell'Inter, riscattando la sconfitta contro lo Sheriff della seconda giornata. L’autogol di Kryvtsov al 37’ consegna il vantaggio alla squadra di Ancelotti, nella ripresa si scatena Vinicius con una doppietta in appena cinque minuti tra il 51’ e il 56’. Poi Rodrygo firma il poker al 65’ e Benzema rincara la dose nel recupero per il 5-0 finale. Gli ucraini non riescono a risollevarsi e restano quindi a un solo punto in classifica. 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments