Champions League: Cade il Cska, Roma e Real Madrid qualificate

A Mosca il Viktoria Plzen esulta in rimonta e raggiunge i russi a 4 punti

  • A
  • A
  • A

Il Cska Mosca cade 2-1 in casa contro il Viktoria Plzen nel quinto turno del gruppo G di Champions League e regala la qualificazione agli ottavi a Roma e Real Madrid. Vlasic al 10' firma il vantaggio russo dal dischetto, per gli ospiti Prochazka sbaglia dagli undici metri a fine primo tempo prima di siglare il pari momentaneo al 56'. Nel finale Hejda (81') trova la zampata che vale il blitz e l'aggancio in classifica a 4 punti.

Il Cska dice addio alle ultime possibilità di qualificazione trovando la terza sconfitta consecutiva dopo le due rimediate contro la Roma: i russi dovevano conquistare i tre punti contro il Viktoria Plzen, cadendo riaprono invece il discorso per il terzo posto e regalano a Roma e Real Madrid la qualificazione agli ottavi senza giocare. I cechi possono ancora credere nell'Europa League agguantando il Cska a quota 4 in classifica e portandosi in vantaggio negli scontri diretti dopo il 2-2 dell'andata. La neve che cade su Mosca rende pesante il terreno di gioco, il Cska fa la partita dal primo minuto mettendo in difficoltà la retroguardia ospite con una manovra rapida e avvolgente. Mario Fernandes e Sigurdsson dialogano bene sull'out destro, ma i pericoli maggiori arrivano tutti dall'altro lato ed è proprio dall'inserimento di Schennikov dalla fascia sinistra che arriva il vantaggio: con un'ingenuità clamorosa Petrzela perde il pallone e abbatte l'esterno in area, dal dischetto si presenta Vlasic che al 10' non sbaglia.

È ancora Schennikov a rendersi pericoloso poco dopo sfiorando il raddoppio di testa e divorandosi un gol da buona posizione su imbeccata di Chalov, poi Oblyakov in girata chiama Hruska all'intervento provvidenziale. Dopo essersi procurato il rigore Schennikov fa però la frittata nella sua area di rigore stendendo Reznik che gli aveva rubato il tempo, Prochazka si incarica della battuta ma Akinfeev indovina l'angolo e respinge il tiro. È lo stesso Prochazka a rifarsi a inizio ripresa quando, sfruttando un cross rasoterra di Reznik, trova l'incrocio dei pali cadendo con un tiro a giro. Al 56' è 1-1 e la partita sembra cambiare padrone: Chory e Kovarik si rendono pericolosi per un Plzen che inizia a credere nel successo. Oblyakov si divora da ottima posizione il gol del possibile nuovo vantaggio per il Cska, Sigurdsson trova i guantoni di Hruska a dirgli di no per una partita diventata spettacolare dopo il pari. A trovare il gol che vale la vittoria sono gli ospiti con una conclusione di Hejda all'81' su un'azione confusa nata da calcio d'angolo. Il Cska ci prova riversandosi in avanti nel finale, il risultato però non cambia più. Il Viktoria Plzen espugna Mosca e compie un passo importante in ottica terzo posto.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments