IL PROTAGONISTA

Champions, Icardi è da record: quanti rimpianti per Conte

L'argentino mette la sua firma su successo e qualificazione del Psg ed esce tra gli applausi

  • A
  • A
  • A

Mentre Antonio Conte "piange". Mauro Icardi ride, e pure parecchio, allargando la forbice dei rimpianti nerazzurri e aggiungendo qualche dubbio in più sulla programmazione estiva dell'Inter. Che il tecnico leccese si riferisse all'argentino nel duro post-partita di Dortmund è praticamente impossibile - ha avallato la cessione, ndr -, ma è certo che le prestazioni di Maurito, ancora in gol nel successo del Psg sul Bruges (con tanto di qualificazione agli ottavi in cassaforte), debbano aver lasciato un retrogusto amaro nel clan interista.

Al netto di rimpianti più o meno conclamati, Icardi è certamente tra i grandi protagonisti di questa prima parte di Champions. Con quello di ieri l'argentino, uscito tra gli applausi dopo un piccolo infortunio, è arrivato a quota otto reti nelle sue prime dieci presenze nella massima competizione europea (in questa edizione sono tre gol in altrettante partite) ed è già a 7 reti in 8 gare con la maglia del Psg.

Tanto gli è bastato a entrare nel cuore dei tifosi francesi e tanto basterà per garantirgli, come in fondo spera, il riscatto a fine stagione da parte del Psg. Per la gioia, anche, dell'Inter, che con la sua cessione - più o meno obbligata - aveva e ha la necessità di fare cassa. Perché mentre Maurito ride, Antonio Conte piange. E servono anche i soldi di Icardi per regalare al tecnico interista i rinforzi che chiede.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments