Tavecchio si scatena: "Ranieri, ora vinci il Mondiale con l'Italia"

Il presidente federale lo vuole subito ct? "Claudio è un grande, e non parlo del prossimo Mondiale"

  • A
  • A
  • A

"A Ranieri auguro di vincere un campionato del Mondo con l'Italia, sarebbe il massimo". Così il presidente della Federcalcio, Carlo Tavecchio, nel corso della cerimonia di premiazione al Coni del tecnico del Leicester, vincitore della 6/a edizione del 'Premio Nazionale Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Us Acli col patrocinio della Figc. "Nel palmares dell'Italia il successo di Claudio è una cosa unica. Con un nostro allenatore vinciamo la Premier. Questo vuol dire che esportiamo l'italianità con stile, competenza, impegno e senso del dovere. Sono tutte caratteristiche che riconosco all'uomo Ranieri, cui auguro di vincere un Mondiale con l'Italia, sarebbe il massimo" le parole di Tavecchio, che però poi non fissa un limite temporale: "Parlo in senso astratto, non dei prossimi Mondiali. Claudio è giovane e avrà tempo. Se abbiamo pensato a lui per il dopo Conte? E' lui che deve pensare a noi... Pensiamo a tante cose adesso, ma nella sua seconda patria sportiva lo aspettano grandi successi. E togliere questa prospettiva non credo sia facile".

"Onestamente ancora non ho capito l'impresa che abbiamo fatto. Io posso ringraziare tutti, la giuria che mi ha votato e i miei giocatori. Eravamo partiti per salvarci ed è successo quello che è successo... Non è facile vincere uno scudetto in Inghilterra ma il mio primo 'scudetto' (la promozione in A) l'ho vinto a Cagliari e questo non lo dimentico. Bearzot non l'ho mai conosciuto ma se mi dicono che in me vedono lo spirito di Bearzot questo mi inorgoglisce". Così Claudio Ranieri, insignito oggi del premio Bearzot dell'Us Acli al Coni. Ranieri ha fatto sapere che devolverà l'assegno del premio alla Onlus "Stefano Borgonovo"