Mourinho: "Ho bisogno di uomini, non di bambini. L'ho detto ai miei"

Il tecnico dello United sul momento-no dello United (5 punti in 6 gare). E ora lo attende il City in Coppa

  • A
  • A
  • A

"Siamo tutti molto tristi, ma non è un momento in cui comportarsi da bambini: ora servono uomini, io chiedo ai 'miei' giocatori di lavorare e dimostrare di esserlo". José Mourinho descrive così, in un'intervista con la tv ufficiale del Manchester United, la situazione della squadra dopo il 4-0 subito domenica scorsa contro il Chelsea, che ha portato il bilancio a tre sconfitte e due pareggi nelle ultime sei partite di Premier League.

"Preferirei giocare di nuovo in campionato - aggiunge il tecnico portoghese alla vigilia della sfida degli ottavi di Coppa di Lega che proporrà un'altra supersfida, il derby contro il City -. Abbiamo bisogno di punti per ridurre il distacco dalle squadre di testa. Stiamo vivendo un momento difficile: abbiamo perso terreno anche quando abbiamo giocato bene, come con lo Stoke".
"Adesso, comunque, affronteremo Burnley, Swansea, West Ham, Sunderland, Middlesbrough: tutte partite che dobbiamo vincere, anche se non sarà facile. Mentre le squadre d'alta classifica si affronteranno fra loro e quindi, giocoforza, perderanno punti. Perciò, noi dobbiamo considerarci sempre in corsa, senza nasconderci".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments