Calcio ora per ora

bombe carta sotto l'hotel dove alloggia presidente Livorno

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

Due bombe carta sono state fatte esplodere la notte tra lunedi' e martedi' sotto l'hotel dove alloggia il presidente dell'Us Livorno Calcio Joel Esciua. E' stato anche appeso uno striscione con scritto "Esciua via da Livorno". A riferire dell'episodio lo stesso Esciua in un comunicato. "Mai un silenzio fu piu' chiacchierato - si legge nella sua nota -, questo potrebbe essere il titolo che meglio racconta le mie ultime settimane a Livorno. Sono stati giorni difficili i miei", nei quali "ho fatto decantare la delusione per un campionato finito in maniera diversa rispetto agli auspici e nei quali ho riflettuto molto sui miei errori che, per esser sincero, non sono stati pochi. Certo la domanda mi sorge spontanea: sono stati tanto gravi i miei errori da meritare due bombe carta sotto l'hotel dove alloggio? E mi chiedo ancora: possibile che nessuno si sia premurato di stigmatizzare gesti cosi' gravi in una citta' da sempre non violenta come Livorno? Questa mancata presa di posizione e' grave quanto l'atto in se' perche' rischia di far passare un messaggio inquietante". "Ora pero' - afferma - e' tempo di reagire, far tesoro di quanto e' accaduto e organizzarsi per affrontare il prossimo futuro con una migliore organizzazione, sia sportiva che extrasportiva, che ci consenta di rispettare i programmi, ovvero centrare la serie B entro i prossimi quattro anni. E posso garantire che un minuto dopo la gara di Grosseto ero gia' al lavoro per conseguire i miei obiettivi che non cambiano di una virgola". Esciua parla anche della presunta cordata che farebbe capo ad Andrea Locatelli e che dovrebbe presentare stasera al Goldoni un progetto sul Livorno calcio. "Un'opa ostile - la definisce -, un tentativo chiaro di creare una alternativa in Eccellenza prima di presentare un'offerta a ribasso e mettermi cosi' dinanzi ad una alternativa: o vendi a quattro soldi oppure ti faremo concorrenza con una seconda squadra a Livorno. Condotte di questo genere assumono un profilo vessatorio cui, ovviamente, non intendo dare riscontro. A breve organizzero' un evento in cui presentero' i progetti di rilancio del club per tornare quanto prima nel calcio che conta".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti