Serie A: Bologna passa a Benevento

La prima casalinga nella massima serie dei campani è decisa in contropiede dal centrocampista ghanese a inizio ripresa. Nel finale si fa male l'arbitro Calvarese: gara conclusa dal 4° uomo Chiffi

di
  • A
  • A
  • A

Esordio casalingo in Serie A con sconfitta per il Benevento che, in un anticipo della 2a giornata, viene battuto 1-0 dal Bologna. Il match del Vigorito, equilibrato per lunghi tratti, è deciso al 10' della ripresa da uno splendido gol in contropiede di Donsah. Mirante è super nel finale. Annullato col Var un gol di Lucioni al 53' della ripresa. Infortunio nel finale per l'arbitro Calvarese: al suo posto il 4° uomo Chiffi.

Solo un anno fa il Benevento avrebbe potuto festeggiare un pareggio tutto sommato meritato che sarebbe valso il primo storico punto in Serie A. Invece il Var ha gelato il pubblico del Vigorito che all'ottavo minuto di un recupero extra-large per via dell'infortunio all'arbitro era esploso di gioia per il gol di capitan Lucioni. Sembrava il lieto fine di una bellissima favola che la tecnologia ha trasformato in incubo per i campani: sconforto tra i padroni di casa e gioia Bologna, alla prima vittoria stagionale. I padroni di casa si sono fatti preferire nel primo tempo, nonostante il grossolano errore di Destro a tu per tu con Belec, ma poi hanno subito il colpo dopo lo splendido gol di Donsah che, partito da centrocampo, ha messo forza fisica e muscoli esplosivi prima di scarica il destro vincente alle spalle di Belec. Solo nel finale, più per la disperazione che per il gioco, la squadra di Baroni ha messo alle corde quella di Donadoni, salvata da un grande Mirante e dal Var.

Per lo storico debutto casalingo, Baroni cambia due uomini rispetto alla sfortunata trasferta di Marassi contro la Sampdoria: come terzino sinistro Dichiara viene preferito a Letizia, mentre Ceravolo vince il ballottaggio con Puscas come partner di Coda. Solo un cambio (forzato), invece, per Donadoni dopo il pareggio al debutto casalingo con il Torino: a centrocampo c'è Donsah per l'infortunato Pulgar. Confermato il tridente Verdi-Destro-Di Francesco.

Fa un gran caldo al Vigorito, tanto che i giocatori a metà frazione devono usufruire del cooling break, ma l'impegno da ambe le parti non mancano. Ciciretti e Lucioni non inquadrano la porta, mentre il Bologna si vede per la prima volta alla mezzora quando Destro si divora un'occasione colossale. L'errore di Costa mette l'attaccante tutto solo davanti a Belec, ma il suo diagonale termina a lato. Una sciagura. E' il momento più divertente, in cui si creano le migliori occasioni: Coda calcia centrale, poi i felsinei spaventano Belec prima con una punizione forte ma centrale poi con un colpo di testa di De Maio che termina alto di un soffio. L'ultima occasione è per i campani con Ceravolo: Mirante respinge in tuffo ma non trattiene, Masina allontana il pericolo. Donadoni non è certo baciato dalla fortuna, visto che è costretto a due cambi per infortunio. Dopo Maietta al 20', il tecnico perde anche Torosidis nel recupero: al loro posto Helander e Mbaye.

La ripresa in pratica si apre con il gol che decide la sfida: Donsah parte in contropiede come un treno da centrocampo, resiste al ritorno dei difensori avversari e fa secco Belec. Il gol mette alle corde il Benevento, che nei successivi 20' barcolla ma non crolla: il portiere di scuola Inter è super su Verdi e attento su Di Francesco, mentre Destro conferma la giornata no spedendo alto un colpo di spalla. Nei felsinei, a corto di fiato e sostituzione, prevale un po' di stanchezza e alla mezzora i padroni di casa tornano a farsi pericolosi con Ciciretti, Coda e D'Alessandro. Il finale è convulso. Si fa male Calvarese che viene sostituito da Chiffi. Sono otto i minuti di recupero dove succede di tutto: Mirante è super su Ciriretti e quasi riesce a mettere una pezza anche su Lucioni. Quando il Vigorito sta ancora facendo festa la doccia gelata: il difensore è partito in fuorigioco e, dopo aver consultato il Var, Chiffi torna sui suoi passi. Giustizia è fatta, ma l'amarezza nella città delle streghe è tanta.

Belec 6,5 - Incolpevole sul gol, bravo e attento in altre tre occasioni.
Ciciretti 5,5 - Suo il primo storico gol in A del Benevento a Marassi. Rischia di ripetersi al 97', ma non brilla.
Costa 4,5 - Incredibile l'errore che regala palla a Destro. Poi sempre in difficoltà.

Mirante 7 - Poco chiamato in causa fino al convulso finale dove è super su Ciciretti.
Donsah 7 - Il bellissimo gol in contropiede è la ciliegina sulla torta di un match di grande sostanza.
Destro 4,5 - L'errore nel primo tempo è gravissimo perché ha avuto tutto il tempo per decidere cosa fare.

BENEVENTO-BOLOGNA 0-1
Benevento (4-4-2):
Belec 6,5; Venuti 6, Costa 4,5, Lucioni 6,5, Di Chiara 6 (41' st Cissè sv); Ciciretti 5,5, Del Pinto 6 (36' st Viola 6), Cataldi 6, D'Alessandro 6; Coda 6, Ceravolo 5,5 (13' st Puscas 5,5). A disp.: Brignoli, Piscitelli, Gyamfi, Letizia, Djimsiti, Camporese, Chibsah, Eramo, Brignola. All.: Baroni 5,5
Bologna (4-3-3): Mirante 7; Torosidis 6 (47' pt Mbaye 6), De Maio 6, Maietta 6 (20' Helander 6), Masina 6,5; Taider 6, Donsah 7 (25' st Crisetig 6), Poli 6; Verdi 6, Destro 4,5, Di Francesco 6. A disp.: Ravaglia, Santurro, Gonzalez, Krafth, Nagy, Krejci, Palacio, Petkovic. All.: Donadoni 6
Arbitro: Calvarese (dal 41' st Chiffi)
Marcatori: 10' st Donsah (Bo)
Ammoniti: Poli (Bo), Del Pinto (Be), Helander (Bo)
Espulsi: -
Note: Al 41' st il 4° uomo Chiffi ha preso il posto dell'arbitro Calvarese infortunato

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments