Nazionale, Di Biagio: "Buffon a marzo convocato, Barzagli e De Rossi out"

Il tecnico azzurro: "Traghettatore? Io mi sento il c.t., ho tanta voglia di fare qualcosa di buono"

  • A
  • A
  • A

Entusiasmo e motivazione. Gigi Di Biagio, nuovo c.t. dell'Italia dopo il disastro targato Ventura, parla prima dell'inizio dello stage azzurro a Coverciano: "Io un traghettatore? Chiamatemi come vi pare, oggi mi sento il c.t. della Nazionale e come vengo chiamato è l'ultimo dei problemi. Ho tanta voglia di fare qualcosa di buono". Su Buffon: "Gli ho proposto di tornare per una, due o tre partite. Probabilmente Gigi a marzo ci sarà".

SUL RUOLO DI TRAGHETTATORE
"Chiamatemi pure come vi pare, io oggi mi sento il ct della nazionale e come vengo chiamato e' l'ultimo dei problemi. Penso a fare bene, ho tanta voglia e quello che leggo mi interessa poco. Voglio fare qualcosa di buono per questa squadra e per questi ragazzi".

SU BUFFON E I SENATORI
"E' normale pensare a ciò che farò nei prossimi mesi. Deciderò al momento delle convocazioni. Ho avuto qualche confronto con i più anziani, visto anche che avevo capito che qualcuno volesse smettere. Ho parlato con Buffon per capire se volesse continuare. Per me non è giusto che la sua ultima gara fosse quella contro la Svezia, poi gli ho proposto di tornare per una, due o tre partite. Probabilmente Gigi a marzo ci sarà. Barzagli e De Rossi non ci saranno, Chiellini sì. Vogliamo rilanciare la squadra con entusiasmo".

SU BALOTELLI
"Lo seguo costantemente. Al momento delle convocazioni valuteremo se portarlo o no. Per adesso non abbiamo preso nessuna decisione".

SUL RUOLO DI ALLENATORE O SELEZIONATORE
"Servono entrambe le figure. Ho fatto esperienza in federazione, conosco molti giocatori, ma oltre a questo serve il lavoro sul campo. Conte ha fatto un grande lavoro e mi confronto spesso con lui. La Nazionale ha bisogno sia dell'allenatore che del selezionatore".

SU CHIESA
"Potrebbe far parte della nostra Nazionale ma pensiamo anche all'Under 21. Dobbiamo capire qual è il percorso migliore per questi ragazzi. Non dobbiamo convocare calciatori che possano essere soltanto il ventottesimo. Federico è un'ottima risorsa per l'Italia".

SUL NUOVO CORSO
"Per ripartire serve un giusto mix tra vecchi e giovani. Ci vuole coraggio per puntare sui ragazzi ma siamo pronti. In 8 anni abbiamo stravolto le giovanili e dobbiamo cercare di creare una giusta mentalità. Si deve giocare nello stesso modo sia contro una Nazionale forte come l'Argentina che contro selezioni più deboli".

SUL RAPPORTO CON GLI ALLENATORI DELLA SERIE A
"Ho sempre avuto relazioni con i tecnici, per spiegare il mio tipo di lavoro e li ho sentiti tutti. Gli stage sono stati introdotti da Ventura e noi sfruttiamo il suo lavoro, ringraziando anche i club".

SUL CAMPIONATO

"Ci sono tre campionati in uno: scudetto, Champions e salvezza. Sono tutti molto belli e combattuti. Credo che adesso sia una Serie A più equilibrata, anche se ci sono delle spaccature in classifica".

SULLO STAGE

"Serve a me e anche ai ragazzi, che devono dimostrare di poter entrare in pianta stabile nel gruppo azzurro".

SUL MODULO
"Ventura ha utilizzato la difesa a 3 e anche il 4-2-4. Io punto sempre a giocare a quattro dietro, è una certezza per me. Poi si può sempre cambiare anche in base alle condizioni dei giocatori. In questi tre giorni voglio vedere la crescita di alcuni giocatori che conosco benissimo ma che voglio valutare ancora".

SULLE PROSSIME DUE AMICHEVOLI CON ARGENTINA E INGHILTERRA

"Affronteremo due grandi Nazionali, vedremo cosa riusciremo a fare. Perché seguirci? Per curiosità e per vedere come abbiamo lavorato. Dobbiamo ricreare il senso di appartenenza e di entusiasmo".

SUL SISTEMA DI GIOCO PREFERITO
"Non c'è. Devo seguire anche il lavoro degli allenatori delle squadre di club. L'unica certezza è che vorrei provare a giocare a 4 dietro, in attacco potrei invece cambiare qualcosa, nonostante preferisca il 4-3-3. Non posso soffermarmi sul modulo: se ho due attaccanti fortissimi non posso lasciarne uno fuori. Gattuso per esempio mi ha aiutato schierando la coppia Bonucci-Romagnoli".

MERET ALLA PARI DI DONNARUMMA?

"Stiamo bene con i portieri per i prossimi 20 anni. C'è anche Perin e quando Buffon purtroppo smetterà avremo comunque le spalle coperte. Siamo in una botte di ferro sotto questo punto di vista. Gigi però non deve finire il suo percorso nella sfida con la Svezia".

SULL'ESCLUSIONE DAL MONDIALE

"Si può parlare di tutto ma non è il caso di tornare su questo argomento. Non essere in Russia fa malissimo, ma non ho vissuto la quotidianità della precedente gestione e non posso parlare".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments