BASKET

Nba: Phoenix regola LeBron in gara-1, vincono gli Hawks di Gallinari

I Suns battono 99-90 i Lakers e si prendono l'1-0 nella serie, 7 punti dell'azzurro nel 107-105 di Atlanta sui Knicks. Successi anche per Philadelphia e Memphis

  • A
  • A
  • A

Nella notte Nba, Phoenix e Atlanta battono Lakers e Knicks e ottengono il primo punto della serie playoff. I Suns vincono 99-90 contro i campioni in carica, che pagano la serata non entusiasmante di LeBron James (in doppia doppia, ma con appena 18 punti). Successo anche per gli Hawks di Gallinari, che realizza 7 punti nel 107-105 di Atlanta sui Knicks. Sorride Philadelphia (125-118 su Washington), Utah ko 112-109 in casa con Memphis.

afp

PHOENIX SUNS-LOS ANGELES LAKERS 99-90

Si apre in modo pirotecnico la serie tra i Suns e i Lakers: gara-1 va a Phoenix, che vince 99-90 al termine di un match in cui intensità e nervosismo non sono di certo mancati. La firma sul successo sui campioni in carica la mette Devin Booker, che all'esordio nei playoff mette a referto 34 punti, 7 rimbalzi e 8 assist, risultando decisivo per l'1-0 di Phoenix nella serie. I Suns conducono per gran parte della gara, si presentano all'ultimo quarto sull'83-68, toccano il massimo vantaggio di +16 e resistono nel finale al tentativo di rimonta dei Lakers, costretti ad un brutto ko. Alla vittoria contribuisce anche Ayton, in doppia doppia con 21 punti e 16 rimbalzi. Serata storta, invece, per Anthony Davis (appena 13 punti) e LeBron James, che pur chiudendo in doppia doppia con 18 punti e 10 assist fa registrare una percentuale di realizzazione inferiore al 50% e rimedia un colpo al braccio nei minuti iniziali dell'ultimo quarto a causa di un contrasto con Chris Paul (7 punti, 3 rimbalzi e 8 assist, anche lui infortunato). A seguito dell'episodio, inoltre, si scatena una rissa con protagonisti Caruso, Harrell e Payne, con quest'ultimo allontanato appena gli animi si placano. Un finale intenso, che vede Phoenix vincere e volare sull'1-0 nella serie.

NEW YORK KNICKS-ATLANTA HAWKS 105-107

Colpo esterno di Atlanta, che si prende gara-1 vincendo 107-105 contro i Knicks grazie al canestro ad un secondo dalla fine di Young. Il match viaggia sul filo dell'equilibrio per tutti i 48 minuti: a fine primo tempo, gli Hawks sono avanti di un possesso (52-50), ma la parità persiste fino a quando, a nove decimi dalla sirena, Trae Young piazza il canestro vincente dopo una grande percussione centrale, zittendo i 15mila del Madison Square Garden dopo i numerosi insulti ricevuti nell'arco di tutta la partita. La giocata decisiva gli regala la palma di Mvp della sfida, con 32 punti, 10 assist e 7 rimbalzi. Ad aiutare Atlanta è anche Bogdanovic, che mette a referto 18 punti, mentre stavolta è poco incisivo Danilo Gallinari, che in poco più di 23 minuti mette a referto solo 7 punti, un assist ed un rimbalzo. Tra le fila dei Knicks, invece, sono Burks (27) e Derrick Rose (17) a rispondere a tono agli avversari, mentre le doppie doppie di Randle (15 con 12 rimbalzi) e Barrett (14+11) non bastano ad evitare il primo ko nei playoff. Adesso, New York è chiamata a vincere gara-2, sempre al Madison Square Garden, per non presentarsi ad Atlanta sotto 2-0.

PHILADELPHIA 76ERS-WASHINGTON WIZARDS 125-118

Philadelphia vince gara-1 grazie al 125-118 su Washington, un match che porta la pesante firma della coppia composta da Tobias Harris e Joel Embiid, 67 punti in due. Dopo il minimo vantaggio degli Wizards all'intervallo (62-61), è il 64-56 del secondo tempo, e in particolare il 38-31 del terzo quarto, a regalare la vittoria ai 76ers, ora avanti 1-0 nella serie. Harris è top scorer con 37 punti, 6 rimbalzi e 2 assist (massimo in carriera nei playoff), mentre il camerunense, nonostante una prima parte di match limitata dai numerosi falli, ne mette a referto 30. Washington lotta ma crolla nonostante la doppia doppia di Beal, con 33 punti e 10 rimbalzi. Male, invece, Russell Westbrook, che va sì in doppia doppia con 16 punti e 15 assist, ma realizzati in ben 42 minuti, con zero triple e percentuali al tiro al di sotto degli standard dell'ex Okc, oltre ad una palla persa nel finale che poteva ridare speranza agli Wizards. Con questo successo, Philadelphia mette la testa avanti: Washington, in gara-2, deve rispondere al successo dei 76ers per non presentarsi ai due match interni con un pesantissimo doppio svantaggio.

UTAH JAZZ-MEMPHIS GRIZZLIES 109-112

La seconda vittoria esterna della notte Nba la piazza a sorpresa Memphis, che vince 112-109 in casa di Utah, capolista ad Ovest nella Regular Season e con il miglior record stagionale. A fare la differenza è l'ottimo secondo quarto giocato dai Grizzlies, che con un 31-7 di parziale nel corso del periodo chiudono il primo tempo sul 49-43 e nella ripresa resistono e portano a casa l'1-0 nella serie grazie a Dillon Brooks, che mette a referto 31 punti, 7 rimbalzi e 2 assist, e a Ja Morant, match winner contro Golden State e capace di realizzare 26 punti, 4 assist e 4 rimbalzi; bene anche Valanciunas, in doppia doppia con 15 punti e 12 rimbalzi. I Jazz, invece, pagano l'assenza di Donovan Mitchell, atteso in campo ma alla fine costretto ad assistere dalla panchina al ko dei suoi perché ancora alle prese con il recupero dall'infortunio alla caviglia, e cadono nonostante i 29 di Bogdanovic (che sbaglia la tripla del possibile 112-112) e le doppie doppie di Conley (22 punti e 11 assist), Favors (12 punti e 11 rimbalzi) e Gobert (11 punti e 15 rimbalzi). Un successo meritato per Memphis, che ora sogna il secondo sgambetto ai Jazz per presentarsi ai due match casalinghi sul 2-0: Utah, invece, è chiamata subito a reagire ad un ko probabilmente inaspettato.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments