NBA

Nba: Lakers ko a Phoenix, Brooklyn elimina Boston. Denver vince dopo due overtime  

Senza Davis, i Suns travolgono 115-85 i gialloviola, i Nets superano 123-109 i Celtics e passano il turno. Servono 58 minuti ai Nuggets per battere 147-141 Portland

 

  • A
  • A
  • A

La notte Nba vede Phoenix vincere gara-5 contro i Lakers che, senza Davis e con il solo LeBron James (24 punti) a lottare, perdono 115-85 contro i Suns e sono ora vicinissimi all'eliminazione. Passa il turno, invece, Brooklyn: nel 123-109 ai Celtics che vale il definitivo 4-1, sono 83 i punti messi a segno dai Big Three, con Harden in tripla doppia. Dopo due overtime, Denver batte 147-140 Portland e conduce ora la serie per 3-2.

afp

PHOENIX SUNS-LOS ANGELES LAKERS 115-85

Senza Anthony Davis, i Lakers erano chiamati ad una vera impresa in gara-5: missione quasi impossibile fallita, con Phoenix che vince 115-85 e si porta a casa il punto del 3-2, che fa finire i gialloviola sull'orlo del baratro. I Suns dominano il primo tempo, chiuso sul +30 (66-36) soprattutto grazie ad un secondo quarto da urlo: un parziale di 32-10 che di fatto taglia le gambe ai campioni in carica. La ripresa è ordinaria amministrazione per Phoenix, che controlla e pareggia 49-49 la seconda metà di gara. Tra le fila dei Suns spiccano le prestazioni di Devin Booker, top scorer con 30 punti (di cui 22 nel primo tempo) 7 rimbalzi e 5 assist, e Cameron Payne (16 punti, 4 assist e un rimbalzo), con Chris Paul costretto però ad abbandonare il match nel corso del terzo quarto a causa di un colpo ricevuto alla spalla infortunata. Poco da salvare, invece, nei Lakers: LeBron James mette a referto 24 punti, ma non riesce a tenere in piedi una squadra priva di Anthony Davis, protagonista in gara-2 e gara-3, e nella quale non incide Schröder, che resta addirittura a secco di punti. Con questo successo, i Suns guidano la serie, ora ferma sul 3-2 in favore di Phoenix: gara-6 è l'ultima spiaggia per i Lakers, chiamati a vincere le prossime due partite per evitare di abdicare salutando già al primo turno.

BROOKLYN NETS-BOSTON CELTICS 123-109

Brooklyn vince 123-109 contro Boston e chiude la serie sul 4-1, superando il turno e guadagnandosi la supersfida a Milwaukee. Anche in gara-5, la firma sul successo la mettono i Big Three, che realizzano 83 dei 123 punti che i Nets rifilano ai Celtics. In un match deciso soprattutto dal parziale d'apertura (31-24) e da quello conclusivo (37-30), spicca la prestazione di James Harden, che mette a referto una tripla doppia con 34 punti, 10 assist e 10 rimbalzi. Oltre all'ex Houston, però, giganteggiano anche Kyrie Irving (25 punti, 3 assist e 3 rimbalzi) e Kevin Durant (24 con 4 rimbalzi e 3 assist). Il trio delle meraviglie di Brooklyn è fondamentale all'inizio dell'ultimo quarto, quando Boston risale fino al -8 prima di venire ricacciata a -17 con un parziale di 11-2 firmato proprio da tre triple dei Big Three. Con questo successo, i Nets passano il turno: i prossimi avversari saranno i Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo. Si chiude, invece, la stagione dei Celtics, che ancora una volta crollano nonostante i 32 punti (ma con un eloquente 12/27 al tiro) di Jayson Tatum e pagano le assenze di Kemba Walker, Robert Williams e Jaylen Brown.

DENVER NUGGETS-PORTLAND TRAIL BLAZERS 147-140

Denver si aggiudica una vera e propria maratona: il 147-140 di gara-5 che regala ai Nuggets il punto del 3-2 nella serie, infatti, arriva dopo ben 58 minuti. Servono due overtime per piegare la resistenza dei Blazers trascinati da un super Damian Lillard. Il primo tempo vede Denver partire forte (38-25), ma gli ospiti rientrano subito e all'intervallo sono sotto solo di 3 punti (65-62). Un equilibrio che regge anche nella ripresa, con Denver che accarezza il sogno di aggiudicarsi la sfida già nei primi 48 minuti. A rovinare i piani dei Nuggets è proprio Lillard, che con una tripla a pochi secondi dalla fine fissa il punteggio sul 121-121. Il copione si ripete anche nel primo overtime: un altro tiro da 3 del trascinatore dei Blazers porta il punteggio sul 135-135. Denver, però, chiude sul 12-5 il secondo supplementare e vince 147-140: adesso, i Nuggets sono ad un passo dall'eliminare Portland. A nulla serve la prestazione da urlo di Lillard: 55 punti, 10 assist e 6 rimbalzi, con 17/24 al tiro e ben 12 triple, nuovo record nei playoff. Denver, però, vince grazie al collettivo e grazie alle ottime prestazioni di Nikola Jokic, vicinissimo alla tripla doppia con 38 punti, 11 rimbalzi e 9 assist, con Monte Morris che ne mette a referto 28 e Michael Porter Jr, autore della tripla che regala il definitivo vantaggio ai suoi, in doppia doppia con 26 punti e 12 rimbalzi. Adesso, i Nuggets conducono per 3-2: avranno a disposizione il primo match point a Portland, con i Blazers chiamati a vincere per trascinare la serie a gara-7.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments