NBA

Nba: Gallinari e gli Hawks stendono i Knicks, Lakers ko con i Suns. Vince Brooklyn, crolla Dallas

L'azzurro realizza 21 punti nel 113-96 che regala ai suoi il 3-1, Phoenix passa 100-92 contro i gialloviola (che perdono Davis per infortunio) e pareggia la serie. Nets e Clippers battono Celtics e Mavs

  • A
  • A
  • A

Danilo Gallinari protagonista nella notte Nba: l'azzurro realizza 21 punti, 4 rimbalzi e un assist nel 113-96 che regala ad Atlanta il 3-1 sui Knicks. Crollano invece i Lakers: 92-100 contro Phoenix (ora sul 2-2) nonostante i 25 punti di LeBron James, con i gialloviola che perdono Davis per infortunio. Vincono anche i Brooklyn Nets (141-126 a Boston con 104 punti dei Big Three) e i Clippers, che passano 106-81 a Dallas e si portano sul 2-2. 

afp

ATLANTA HAWKS-NEW YORK KNICKS 113-96

Danilo Gallinari e gli Hawks sono sempre più vicini alle semifinali di Conference. In gara-4, Atlanta strapazza infatti i Knicks e si porta sul 3-1, ad un successo di distanza dal passaggio del turno. La differenza, nel 113-96 rifilato a New York, la fa il 35-22 del terzo quarto, dopo il +4 (53-49) in favore di Atlanta all'intervallo lungo. Splendida prestazione per l'azzurro, che in appena 25 minuti di gioco mette a referto 21 punti con 6/9 dal campo e 8/8 nei tiri liberi, con anche 4 rimbalzi e un assist: contributo perfetto dalla panchina. Numeri che, sommati ai 27 punti (con 9 assist) di Trae Young e ai 22 di Collins, giustificano un dominio da parte degli Hawks, con i Knicks che durano di fatto soltanto un tempo. E a poco serve un Julius Randle sì vicino alla tripla doppia (23 punti, 10 rimbalzi e 7 assist), ma pesantemente impreciso al tiro, come dimostra il 7/19 dal campo. Serata complicata anche per Derrick Rose: 18 punti in quasi 33 minuti di gioco. Con questo netto 113-96, Atlanta si aggiudica gara-4 e si porta sul 3-1: al Madison Square Garden, nel quinto match della serie, gli Hawks di un ottimo Danilo Gallinari avranno a disposizione il primo di tre match point per eliminare i Knicks e volare in semifinale di Conference.

LOS ANGELES LAKERS-PHOENIX SUNS 92-100

Solo brutte notizie per i Lakers dopo la sirena conclusiva di gara-4. La prima è il ko che rimette la serie in perfetta parità; la seconda è che, nel 100-92 con cui i Suns stendono i campioni in carica, Anthony Davis rimedia un infortunio ed è costretto ad uscire dal campo all'intervallo lungo. Il numero 3 dei gialloviola, autore di 6 punti, 4 rimbalzi e 3 assist in 19 minuti, non rientra dopo il secondo quarto (chiuso sul 54-40 in favore di Phoenix) a causa di uno stiramento all'inguine sinistro dopo un contatto al ferro: i Suns, allora, ne approfittano per piazzare l'allungo decisivo, volando sul +16 (81-65) prima dei 12 minuti conclusivi. Inutili, per i Lakers, il 27-19 dell'ultimo periodo e l'ottima prestazione di LeBron James, autore di una doppia doppia con 25 punti, 12 rimbalzi e 6 assist. Phoenix, invece, ritrova Chris Paul, che dopo aver recuperato a pieno dall'infortunio chiude con 18 punti, 3 rimbalzi e 9 assist, sfiorando la doppia doppia realizzata invece da Ayton (14 punti e 17 rimbalzi). Con questo 100-92, Phoenix pareggia la serie, ora ferma sul 2-2, e si prepara ad ospitare nuovamente i Lakers, chiamati a vincere in gara-5 senza colui che, insieme a James, ha regalato ai campioni in carica i due successi finora conquistati nei playoff.

BOSTON CELTICS-BROOKLYN NETS 126-141

Brooklyn dimentica subito il passo falso in gara-3 e vince 141-126 con i Celtics, portandosi sul 3-1 e accarezzando la qualificazione alle semifinali di Conference. A Boston, i protagonisti sono ancora i Big Three, che permettono ai Nets, tra il secondo e il terzo quarto, di ottenere un +22 complessivo (40-26 e 39-31) che i padroni di casa non riescono più a recuperare. Altra prestazione sontuosa di Kevin Durant: 42 punti con 14/20 al tiro e 3/3 dall'arco, 4 rimbalzi e 5 assist. Ai numeri dell'ex Golden State vanno aggiunte le doppie doppie di Kyrie Irving (39 punti, 11 rimbalzi e 2 assist con 6/12 nei tiri da 3) e di un James Harden che ne mette a referto 23 ma con il 67% di realizzazione (8/12) e con ben 18 assist: in totale, sono 104 punti sui 141 complessivi dei Nets. Boston, invece, resta in corsa per meno di metà gara e crolla nonostante i 40 punti di Jayson Tatum, ultimo a mollare tra le fila dei Celtics, che hanno come attenuante le assenze di Kemba Walker, Williams e Brown. Adesso, si torna a Brooklyn, con i Nets che avranno a disposizione il primo match point per chiudere la serie ed ottenere il passaggio del turno: in palio, la sfida ai Milwaukee Bucks.

DALLAS MAVERICKS-LOS ANGELES CLIPPERS 81-106

Chi dava già per spacciati i Clippers dopo i due ko allo Staples Center deve ricredersi: Los Angeles è più viva che mai. Lo dimostra il secondo successo di fila a Dallas, che vale il 2-2 nella serie e la riconquista del fattore campo. Una vittoria mai in discussione, con i Mavericks che perdono tutti e quattro i parziali ed incassano un pesante 81-106 che rimette in discussione il passaggio del turno. La partita è già ben indirizzata dopo il 61-45 dell'intervallo lungo, poi il 21-15 del terzo periodo chiude definitivamente i giochi. Merito dei 59 punti messi a segno da Kawhi Leonard (in doppia doppia con 29 punti, 10 rimbalzi e 3 assist, con 11/15 al tiro) e da Paul George, anche lui vicino alla doppia doppia con 20 punti e 9 rimbalzi. Dallas paga la serata storta di Luka Doncic, apparso molto impreciso al tiro: lo sloveno, condizionato da un dolore a spalla e braccio, mette a referto 19 punti, 6 assist e 6 rimbalzi, ma con soltanto una tripla realizzata su 7 tentativi ed un più che eloquente 9/24 al tiro. Con la stella che non brilla, tutta la squadra fa fatica: solo tre giocatori in doppia cifra (oltre a Doncic, Porzingis a 18 e Marjanovic a 12). Il risultato è un pesante ko che riporta la serie sul 2-2: i Clippers si riprendono il fattore campo e si giocheranno ora il sorpasso in gara-5 allo Staples Center.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments