Nba, playoff: Indiana e Miami a gara 7

Gli Heat vincono a Charlotte mentre i Pacers stendono i Raptors: è tutto aperto. I Blazers invece chiudono 4-2 coi Clippers

Portland (Afp)

Intenso venerdì notte in Nba con tre gare 6 decisive. Non sprecano il match point casalingo i Portland Trail Blazers che superano 106-103 i Los Angeles Clippers con 28 punti di Lillard e avanzano al secondo turno dove sfideranno i Warriors. Sorpresa invece a Charlotte dove i Miami Heat vincono 97-90 contro gli Hornets e forzano la serie a gara 7. Gara 7 anche tra Indiana e Toronto dopo il successo 101-83 dei Pacers sui Raptors.

Al Moda Center di Portland i Trail Blazers capitalizzano il match point casalingo battendo 106-103 i Los Angeles Clippers in gara 6, chiudono 4-2 la serie e volano al secondo turno dove se la vedranno coi Golden State Warriors. Nonostante le assenze di Paul e Griffin, e con Austin Rivers in campo con 11 punti di sutura sotto l'occhio dopo una gomitata fortuita di Aminu a inizio match, i Clips vendono cara la pelle e nel finale rimontano e impattano sul 103-103 nell'ultimo minuto. Qui diventa decisivo Mason Plumlee per i Blazers perchè segna i due liberi del 105-103 dopo aver subito fallo a rimbalzo, poi ostacola Crawford che fallisce il tiro del potenziale pareggio nell'azione successiva. 9 punti e 14 rimbalzi per il lungo ex Duke, decisivo insieme ai 28 punti di Lillard e ai 20 di McCollum. Stagione finita invece per i Clippers cui non bastano i 32 punti di un eroico Jamal Crawford. Restano in corsa Indiana e Miami che vincono le rispettive gare 6 e forzano la serie a gara 7. A Indianapolis i Pacers stendono 101-83 i Toronto Raptors con un gran secondo tempo: sotto 44-40 all'intervallo, i padroni di casa scappano con i canestri di Goerge Hill, 12 punti, e Myles Turner, 15, poi è Solomon Hill a mettere la tripla del 90-69 che stende i canadesi. Sugli scudi Paul George con 21 punti e 11 rimbalzi. A Charlotte invece gli Hornets sprecano la chance di chiudere perdendo 97-90 contro gli Heat. Miami tiene quasi sempre la testa avanti grazie a Deng, 21 punti, e Whiteside, 12 con 7 rimbalzi e 4 stoppate; Jefferson e soprattutto Kemba Walker, 37 punti, riportano sotto gli Hornets fino al -2 (88-90) ma lì viene fuori la classe di Dwyane Wade che a 46 secondi dalla fine mette la bomba del +5 che stende definitivamente i padroni di casa. 23 punti alla fine per Flash.