serie a

Basket, Serie A: l’Olimpia Milano batte Scafati, Bologna supera Tortona 91-90

L’Armani piega 89-80 la Givova, la Virtus trionfa con un Belinelli strepitoso. Bene Varese, cade Pesaro

  • A
  • A
  • A
Basket, Serie A: l’Olimpia Milano batte Scafati, Bologna supera Tortona 91-90 - foto 1
© italyphotopress

Nella 20a giornata di Serie A di basket l’Olimpia Milano vince 89-80 contro Scafati, registrando la sedicesima vittoria in campionato. Il big match tra Bologna e Tortona finisce 91-90 in favore della Virtus. Vittoria importante per Varese, corsara a Napoli 101-93 contro la GeVi. Cade Pesaro, demolita 100-70 in casa da Brindisi. Trento batte Brescia 83-76, Trieste piega Treviso 97-86. Verona supera Reggio Emilia 78-76.

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO–GIVOVA SCAFATI 89–80
Trionfa tra le mura casalinghe del Forum l’Olimpia Milano, che piega 89-80 la Givova Scafati. Gli ospiti iniziano piuttosto bene, con un paio di cambi di vantaggio e un match piuttosto combattuto fino al 16-12 in favore della Givova. Dagli ultimi 3 minuti del primo quarto l’Olimpia però non molla più il controllo del match, chiudendo i primi dieci minuti sul 26-21. La squadra di Messina mette la freccia nel secondo periodo, rientrando negli spogliatoi sul 52-39 sotto il segno di Baron e Tonut. Nel terzo quarto la partita continua ad andare in discesa per l’Armani, con gli ospiti che faticano a tenere il ritmo e la qualità della EA7. A dieci minuti dalla fine il tabellino è sul 77-51, con Scafati che si sveglia quando è ormai troppo tardi, a quattro minuti dal termine, per registrare un parziale di 11-0. Finisce 89-80, con Milano che sigla la sedicesima vittoria in questa Serie A. Rimane al tredicesimo posto la Givova Scafati, che segna la tredicesima sconfitta.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA–BERTRAM YACHTS DERTHONA 91–90
La Virtus Bologna vince 91-90 contro la Bertram Yachts Derthona all’interno di un match spettacolare. Nel primo quarto il quintetto di Ramondino prova subito a prendere il largo, grazie a un Semaj Christon ispiratissimo. Il tiro da tre punti non funziona per gli uomini di Scariolo, e i primi dieci minuti sono tutti a favore della Bertram (25-18). Nel secondo periodo si mette in moto Marco Belinelli, con 14 punti nel quarto e il tiro da fuori che inizia ad alzarsi nelle percentuali. Alla pausa lunga la Segafredo mette il muso avanti, si rientra negli spogliatoi sul 44-43. Nel terzo periodo la sfida tra Christon e Belinelli si accende, con i due che sono praticamente implacabili da tre punti. Nel quarto quarto la partita è spettacolare, con continui cambi di vantaggio, giocate decisive e canestri estremamente difficili. Il gioco da quattro punti di Belinelli sembra dare la spallata decisiva alla sfida, ma è ancora una volta Christon a rispondere con la tripla pesantissima del 90-90. A decidere il match è Shengelia, che segna il primo tiro libero e sbaglia il secondo, non dando il tempo necessario alla Bertram di sferrare l’ultimo tiro. Vince la Virtus 91-90, prestazioni storiche di Belinelli e Christon, che chiudono entrambi a 32 punti totali. La Segafredo segna la sedicesima vittoria in campionato, due in più rispetto ai successi di una solidissima Tortona.

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO–HAPPY CASA BRINDISI 70–100
Cade rovinosamente Pesaro, demolita 100-70 dalla Happy Casa Brindisi. La Carpegna prosciutto resta viva solamente per i primi dieci minuti, che terminano sul 15 pari. Gli ospiti sono trascinati da un Lamb sontuoso, da 11 punti nel primo quarto, e nel secondo periodo creano il divario segnando 26 punti e subendone solamente 10. Nel terzo periodo le percentuali dei padroni di casa migliorano lievemente, ma Harrison e Perkins dominano per i pugliesi: a dieci minuti dal termine il risultato è di 68-49. Nell’ultimo periodo la squadra di Vitucci allunga ancora, segnando 32 punti e chiudendo sul 100-70. Brindisi con questa vittoria aggancia proprio Pesaro, a undici vittorie stagionali. 

GEVI NAPOLI–OPENJOBMETIS VARESE 93–101 
Vince Varese, corsara a Napoli per 101-93. La partita è divertente ed equilibrata nel primo periodo, con gli attacchi che lavorano meglio delle difese. I padroni di casa chiudono i primi dieci minuti avanti di un punto (29-28), e nel secondo periodo mettono il turbo, assaporando la vittoria: parziale di 16-4 nella seconda parte di periodo, trascinati da Williams e Wimbush. All’intervallo il tabellino è sul 62-56. I Lombardi rientrano meglio dagli spogliatoi, con un terzo periodo da 25 punti totali contro i 16 dei campani. A salire sugli scudi per la Openjobmetis è Ross, autore di una prestazione (totale) da 23 punti, 7 rimbalzi e 8 assist. Varese torna avanti 81-78 a dieci minuti dal termine, e chiude i conti allungando nel finale. Finisce 101-93, con la Openjobmetis che sigla l’undicesima vittoria. Tredicesima sconfitta invece per la GeVi Napoli.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO–GERMANI BRESCIA 83–76
Trionfa anche Trento, 83-76 in casa contro Brescia. Nel primo periodo la gara è in equilibrio, senza strappi da una parte e dall’altra: alla prima pausa breve il tabellino è sul 19-18 in favore della Dolomiti. Il primo allungo viene registrato dagli ospiti, che nella seconda parte del secondo quarto fanno segnare un 9-0 di parziale. Della Valle sale in cattedra per i lombardi, che rientrano negli spogliatoi avanti 42-36. Nei secondi venti minuti va in scena la rimonta della Trentino, che rosicchia qualche punto nel terzo quarto (57-60) e va di forza a prendersi la vittoria nell’ultimo periodo, con un sontuoso Matteo Spagnolo, protagonista con 23 punti totali. Vince 83-76 la Dolomiti Energia Trentino, che sigla l’undicesima vittoria in stagione. Tredicesima sconfitta invece per la Germani Brescia. 

PALLACANESTRO TRIESTE–NUTRIBULLET TREVISO 97–86
La Pallacanestro Trieste supera la Nutribullet Treviso 97-86. Padroni di casa che iniziano meglio rispetto agli avversari, con un parziale iniziale di 10-2 che indirizza la partita. Dopo il 20-13 del primo quarto, la vera differenza nel secondo periodo: la squadra di Legovich segna 37 punti totali, con un attacco straripante, sotto il segno di Davis Jr. (22 punti a fine partita). Si rientra negli spogliatoi sul punteggio di 57-40. La Nutribullet prova a rientrare, ma il divario creato dai friulani è troppo ampio: i veneti vincono di fatti i due quarti successivi, con un Sorokas da 20 punti e 7 rimbalzi, ma non basta. Vince 97-86 la Pallacanestro Trieste, che marca la nona vittoria stagionale: una in più rispetto alla Nutribullet Treviso, bloccata a otto successi.

TEZENIS VERONA–UNAHOTELS REGGIO EMILIA 78–76 
Successo fondamentale per la Tezenis Verona in ottica salvezza, 78-76 sulla UnaHotels Reggio Emilia. I veronesi partono benissimo, con un parziale di 10-1 per indirizzare il match nel primissimo minuto di gara. Gli ospiti rientrano nel corso del primo quarto, che termina 20-19 in favore degli emiliani. L’equilibrio vige anche nel secondo periodo, con Bortolani (per la Tezenis) e Hopkins (nell’UnaHotels) che si prendono la scena. È 38-38 alla pausa lunga. Verona prova a dare lo strappo a inizio secondo tempo, con un parziale di 8-0 che porta la partita sul 57-51 a dieci minuti dal termine. L’ultimo periodo è estremamente intenso, con Reggio Emilia che ci prova fino agli ultimissimi secondi, sfiorando anche l’overtime. Finisce 78-76, con la Tezenis Verona che firma la settima vittoria in stagione: due in più rispetto a Reggio Emilia, che rimane fanalino di coda del campionato.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti