BASKET

Basket, qualificazioni Europei 2021: un'Italia giovane e convincente mette ko la Russia

A Napoli finisce 83-64: 19 punti per Ricci, Sacchetti lancia anche le promesse Spagnolo e Bortolani

  • A
  • A
  • A

Una giovane e già convincente Italia batte 83-64 la Russia in una bella serata di basket a Napoli, nella prima partita valida per le qualificazioni agli Europei 2021 (azzurri già qualificati come paese ospitante). Coach Meo Sacchetti lancia diverse novità in formazione (Akele, Spagnolo, Bortolani, tutti autori di 3 punti) e si gode la prestazione di Giampaolo Ricci (19 punti) e Michele Vitali (15), protagonisti di una prestazione di livello contro un'avversaria sempre temibile.

Splendida serata di basket al PalaBarbuto di Napoli, dove coach Meo Sacchetti ha modo di provare una Italia giovane in vista degli Europei che saranno ospitati tra le altre anche nel nostro Paese (con la Nazionale che quindi non ha l'obbligo di inseguire il risultato). E anche per questo motivo sono diversi gli esperimenti in campo, che vedono comunque un'Italbasket molto convincente e che mette al sicuro la vittoria già nel corso del secondo quarto, per poi permettere a diversi volti nuovi del basket azzurro di mettersi in mostra.

La Russia parte molto bene, con Kulagin ispiratissimo e Sacchetti che chiama il time-out dopo appena tre minuti, con gli ospiti in vantaggio di 7 punti (4-11). Sarà il primo e ultimo momento di difficoltà per l'Italia, che con Tessitori e Fontecchio recupera e poi passa al sorpasso con la tripla di Ricci. Proprio lui trova due triple di fila, a cui segue quella di Vitali con gli Azzurri che volano sul +4. Kulagin non ci sta e riporta la Russia in vantaggio, ma stavolta l'Italia non si lascia spaventare e grazie a Baldi Rossi e un Ruzzier che si inventa una tripla da urlo chiude il primo periodo in vantaggio: 26-24. Gli Azzurri trovano quindi il modo di accelerare nel secondo quarto, in cui arriva anche il debutto di Matteo Spagnolo (classe 2003) e il duo Akele e Fontecchio che confeziona il +8 con cui si va all'intervallo lungo.

L'Italia continua a volare sulle ali dell'entusiasmo: Ricci e Tessitori firmano il +13 e gli Azzurri resistono al tentativo di rimonta russa guidato da Fridzon e il solito Kulagin. Ancora Vitali e Tessitori ristabiliscono le distanze, quindi Spissu trova il nuovo +12 con l'undicesima tripla del match per una Nazionale che diverte e si diverte. E lo dimostra poco dopo Vitali, con una splendida schiacciata che strappa gli applausi degli spalti di Napoli. Non è tutto, perché il parziale è chiuso dai primi punti in Nazionale di Spagnolo, due in penetrazione e il terzo per il fallo subito in occasione della prima grande azione della sua vita in azzurro. Grande qualità, dunque, che viene meno nella seconda metà dell'ultimo parziale, dopo che Ricci e Spissu di fatto chiudono ogni discorso di possibile rimonta da parte della Russia. Bisogna quindi aspettare gli ultimi due minuti per le ultime emozioni di una splendida partita, che sono affidate a Ruzzier (che va a segno appoggiando la palla sul tabellone), a Vitali (con una splendida tripla dall'angolo) e alla gioia del primo canestro da tre punti anche per Giordano Bortolani, classe 2000 aggregato alla Nazionale dalla serie A2 (gioca a Biella). E tra i volti che possono far sorridere Sacchetti e tutti gli appassionati di basket dello Stivale, c'è sicuramente anche il suo

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments