Smith, Carlos e Norman e il podio olimpico di Città del Messico: la difesa dei diritti civili e umani una partita mai chiusa

Sedici ottobre 1968: quei pugni chiusi che fecero la storia compiono 50 anni

di PEPE FERRARIO
Smith, Carlos e Norman e il podio olimpico di Città del Messico: la difesa dei diritti civili e umani una partita mai chiusa

I piedi scalzi, segno di povertà. I pugni alzati e i guanti neri, simbolo del Black Power. La testa reclinata, lo sguardo rivolto in basso e una collanina al collo di piccole pietre, omaggio "a ogni nero che si è battuto per i suoi diritti ed è stato linciato". Quel 16 ottobre 1968, sul podio olimpico di Città del Messico, Tommie Smith e John Carlos, oro e bronzo statunitensi nei 200 metri, si fanno storia. E con loro anche Peter Norman, l'australiano che per solidarietà con i due atleti afro-americani indossa la coccarda dell’Olympic Project for Human Rights.

Ecco, una delle immagini più iconiche del Novecento compie 50 anni. Mezzo secolo che ci divide da quel tumultuoso, controverso ma tremendamente affascinante anno che fu il 1968. Anno di speranze, illusioni e violenze. L'anno del Maggio Francese, della contestazione studentesca, delle rivendicazioni sociali, della lotta per i diritti civili-umani-politici. L'anno che negli Usa vide in aprile l'assassinio di Martin Luther King e quello due mesi più tardi di Bob Kennedy. L'anno dei carri armati sovietici a Praga. E l'anno, appunto, delle Olimpiadi di Città del Messico precedute a inizio ottobre dalla strage di Piazza delle Tre Culture.

Smith, Carlos e Norman
, simboli di una protesta che ha fatto la storia e che fu pagata con l'emarginazione. Vessati, puniti, ostracizzati dal sistema, dal potere contro cui alzarono il pugno. Vennero cacciati dal villaggio olimpico, Smith e Carlos. Uno visse poi lavando auto, l'altro come scaricatore al porto di New York. Minacciati, continuamente. Non più atleti, non più uomini, ma appestati. Espulsi persino dall'esercito per indegnità. E meglio non andò a Norman, che in Australia fu cancellato. Anche lui come atleta prima e come cittadino poi. E anche lui solo tardivamente, molto tardivamente, riabilitato.

Tre velocisti, tre uomini che quel 16 ottobre di cinquanta anni fa su quel podio chiesero rispetto e giustizia. Fecero la storia. E oggi sono ancora qui a farla, con quella foto che ci ricorda che la difesa dei diritti civili e umani è una partita mai chiusa. Una partita che ancor oggi - soprattutto oggi - va ancora giocata e vinta.

TAGS:
Tommie smith
John carlos
Peter norman
Foto
Messico
Olimpiadi
Protesta
Anniversario
Usa
Australia
Diritti umani

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X