Boxe, Mayweather e l'assegno da 100 milioni di dollari

L'ex campione, infastidito da qualche commento, sbatte in faccia al mondo la sua ricchezza

Floyd Mayweather ha sempre amato ostentare la propria ricchezza, ma questa volta è andato davvero un po' oltre. Contrariato da qualche commento, l'ex pugile ha pubblicato sul proprio profilo Instagram un assegno da 100 milioni di euro, la borsa che ha ricevuto quando ha affrontato Manny Pacquiao il 2 maggio 2015 nel Match del Secolo. "Questo è solo uno dei miei molti assegni, un bell’assegnone da 100.000.000 del quale ho ancora fino all’ultimo centesimo. Voi avete ancora da lavorare, io sono felicemente in pensione" si legge in una parte del post.

"Mi fanno divertire quei tizi abituati a sedersi sui sedili posteriori, così preoccupati dell’eredità lasciata dagli altri, invece di pensare alla propria. Questo è solo uno dei miei molti assegni, un bell’assegnone da 100.000.000 del quale ho ancora fino all’ultimo centesimo. Voi avete ancora da lavorare, io sono felicemente in pensione - ha scritto Mayweather - . A fine giornata mi interessano solo i bigliettoni da 100, quindi peggio per voi. Ho fatto dei buoni investimenti, e mi spiace per quelli che pensano che io non sappia scrivere, leggere o contare. Voi li chiamate orologi, io li chiamo preziosi. Voli le chiamate barche, io li chiamo yacht. Voi le chiamate case, io le chiamo magioni. Voi affittate i charter, io possiedo jet".

TAGS:
Floyd mayweather
Assegno
100milioni di dollari
Manny pacquiao
Boxe

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X